La stella a Cinque punte rovesciate Simbolo satanico - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

La stella a Cinque punte rovesciate Simbolo satanico

La STELLA A 5 PUNTE:

è denominata Pentacolo,  Pentagramma, o Pentalfa ed è ormai di uso comune sulla prevalenza delle bandiere nazionali mondiali:

Algeria, Angola, Australia, Myanmar,Bosnia e Herzegovina, Brasile, Burkina Faso, Cameroon, Capo Verde, Chile, China, Comoros, Korea del nord, Cuba, Dominica, Ethiopia, Filippine, Ghana, Djibouti, Grenada, Guinea-Bissau, Honduras, Isole Solomon, Kosovo, Liberia, Libya, Marocco, Mauritania, Mozambique, Nuova Zelanda, Pakistan, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Saint Kitts e Nevis, Samoa, São Tomé e Príncipe, Senegal, Singapore, Syria, Somalia, Stati Federati di Micronesia, Stati Uniti d'America, Sud Sudan, Suriname, Tajikistan, Timor Est, Togo, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Uzbekistan, Venezuela, Vietnam, Zimbabwe.




E' presente anche nei simboli statali, proprio come in quello della Repubblica italiana...



Sappiamo molto bene come questa stella, se rovesciata, sia un simbolo utilizzato dai satanisti, ed è il massone Gorel Porciatti che ce lo dice: «(La Stella a cinque punte), se rovesciata (...), diventa il simbolo dell’animalità degli istinti immondi; in essa, così rovesciata, si può inscrivere la testa di un becco (la testa del Bapho-met, Bafometto ossia Satana)».

Per approfondire basta cercare su internet e si troverà molto materiale a riguardo.

A titolo di esempio si può visionare un video ben fatto al seguente link.



Oltre a ciò occorre esser consapevoli che anche nella sua forma classica è in realtà un simbolo del male: esso rimanda al paganesimo ed è uno dei simboli principali nell'occultismo, nel mondo esoterico e massonico.

Il Pentalfa è, insieme alla squadra e al compasso incrociati, il principale simbolo della Massoneria
; quello con cui essa più frequentemente ama marchiare le proprie conquiste e simboleggiare il proprio dominio. Nei rituale massonico essa si trova tra i simboli del grado di "maestro" e ricorda i cinque punti della "fratellanza", che sono un sommario dei doveri massonici verso il proprio fratello:

1 - mano contro mano, io vi saluto come Fratello;

2 - piede contro piede, io vi sosterrò in tutte le vostre imprese lodevoli;

3 - ginocchio contro ginocchio, la preghiera delle mie orazioni giornaliere mi ricorderà dei vostri bisogni;

4 - petto contro petto, i vostri segreti legittimi, se affidati a me come tali, li terrò come miei propri;

5 - mano sul dorso, io difenderò la vostra reputazione in vostra assenza come in vostra presenza;

La Stella a cinque punte è il sigillo della Massoneria e il marchio della Bestia (Satana)
; in altre parole il pentalfa simboleggia la prima “tappa nella via del male”: quella che individua “l’uomo indipendente dai rimorsi della sua coscienza e dal timor diDio”; “l’Uomo senza Dio”,“l’Uomo-Dio”, cioé “l’Uomo-satanizzato”! Per approfondimenti cercare su internet, a titolo di esempio ecco un link.

E' inoltre uno dei simboli dell'Islam: in quest'ultimo é stata introdotta nelle bandiere e simboli islamici dopo l'impero ottomano, perché il nome del profeta Muhammed scritto in arabo appare proprio come una stella a cinque punte e per richiamare anche agli obblighi fondamentali per un credente musulmano fissati dal Corano, comunemente chiamati i cinque pilastri dell'Islam:

1 - La testimonianza: "non c'è altro Dio fuorché Dio e Muhammad è il suo profeta" ( asc-Sciahada );

2 - le cinque preghiere quotidiane (as-Salat);

3 - il pagamento dell'imposta coranica (az-zakat);

4 - il pellegrinaggio alla "sacra casa" cioè a La Mecca (al-Hagg);

5 - il digiuno del mese di "ramadan" (as-Saumu).



Ma possiamo forse tralasciare il suo significato che più ha lasciato morte e distruzione nella storia umana? Quasi tutti ormai si sono dimenticati che la stella a cinque punte era ed è uno dei simboli dell'Unione Sovietica!


La stella rossa a cinque punte è infatti in generale un simbolo del comunismo o del socialismo
che rappresenta allo stesso tempo le cinque dita della mano del lavoratore e i cinque continenti, il che si mette in relazione con l'internazionalismo della parola d'ordine marxista: "Proletari di tutti i paesi, unitevi!". Un'altra interpretazione, meno comune, mette in relazione la stella rossa con i cinque gruppi sociali che contribuiscono al passaggio al socialismo: i giovani, i militari, gli operai, i contadini e gli intellettuali. Più comunemente si fa risalire all'Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci usato anche dalla Massoneria come simbolo di umanesimo e della centralità dell'uomo (e non di un ipotetico Dio) nell'universo. Dato che Karl Marx e Friedrich Engels la usavano come simbolo di umanismo radicale e lotta di classe, la stella rossa fu collocata insieme alla falce e martello nella bandiera rossa e negli emblemi ufficiali dell'URSS. Da qui, diverse tendenze socialiste e comuniste si identificarono con essa.


Un'altra presenza massiccia di stelle a cinque punte la troviamo nei gradi militari e a riguardo trattiamo dell'esercito italiano: mancando documenti al riguardo, risulta difficile capire come mai sia stata proprio la stella a cinque punte ad essere sancita e resa quindi simbolo unitario delle forze armate italiane. Già prima del 1871, gli ufficiali d’ordinanza del re e dei principi portavano nel bavero una stella a sei punte...forse il Risorgimento e le crescenti ideologie razionalistiche portarono a sostituirla come rinuncia implicita ai valori cristiani da parte della famiglia monarchica: si vide infatti come il Re fu autore e complice della "Breccia di Porta Pia" che sancì l'annessione di Roma al Regno d'Italia..e Dio non tardò poi a punire il vile monarca!


Per ultimo, ma non meno importante, possiamo citare come la stella a cinque punte sia uno dei simboli del successo mondano ad esempio nello sport e ancor di più nell'industria dello spettacolo: nella famosa "Walk of Fame" (passeggiata delle celebrità) di Hollywood, un grande marciapiede, sono incastonate migliaia di stelle a cinque punte in ottone che recano i nomi di celebrità onorate per il loro contributo – diretto o indiretto – allo star system e all'industria dello spettacolo statunitense. A questa gloria del mondo noi cattolici opponiamo la famosa frase di Gesù agli apostoli (Luca 10, 20) nella quale si rimanda alle Stelle del Cielo contrapposte a quelle di questo mondo scritte nel "fango" (5 punte):


"Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto che i vostri nomi sono scritti nei cieli".


Questo ci fa capire bene come gira il mondo e come ci sia la volontà di far entrare nell'uso e nella mentalità comune dei simboli non cristiani per far così passare il male per bene e il bene per male, un relativismo strisciante...

Prima di esporre le stelle entrate a pieno titolo nella simbologia cristiana voglio ricordare altre tipologie di stelle il cui significato troverete ai rispettivi link:


- la STELLA A 7 PUNTE:


è chiamata «Settenario» o «Eptagramma» ed è un antico simbolo esoterico rimandante propabilmente alle divinità babilonesi, in primo luogo al mito di Enki, il dio della creazione del mondo sumero. Infatti presso molte culture, le figure composte da sette elementi vengono vagliate assommando il tre al quattro, giacché, il tre corrisponde al numero del cielo, con l’ordine verticale nella croce a tau delle tre dimensioni spaziali, il quale è aggiunto al quattro, che rappresenta la terra, ovvero le quattro direzioni assimilabili ai punti cardinali, nelle due dimensioni del piano. Per questo, il sette è il numero sommativo del cielo e della terra.

Quindi, l’eptagramma può rappresentare il simbolo del “Tutto”, ma di quello della totalità in movimento, ovvero il “dinamismo totale”, nella comunicazione fra mondi diversi.

Per la sua costruzione grafica, l'eptagramma è legato alla divisione caldea del tempo e risultano basilari in questo i pianeti e gli astri celesti conosciuti nell’antichità, quei sette corpi del cielo che avevano assunto un’entità divina: il Sole, la Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere e Saturno, i quali hanno dato il loro nome ad un ciascun giorno della settimana babilonese.

Per approfondimentirimandante: vedi link.

Presenza di questa stella nelle bandiere nazionali: Australia, Giordania.


- la STELLA A 9 PUNTE:


è il simbolo della religione conosciuta come "Bahaismo".

LE STELLE CRISTIANE



Le vere stelle "buone", le sole che possiamo adottare con serenità perchè di uso nella cultura cristiana e nella Chiesa Cattolica, sono quelle rispettivamente a 6, 8 e 14 punte:



- la STELLA A 6 PUNTE:


è il simbolo della casa del Re Davide:
il nome Davide in ebraico antico (al tempo di Re Davide) è formato da tre lettere, "Dalet", "Vav" e "Dalet". La lettera Dalet in antico ebraico è un triangolo. Re Davide usava la stella a sei punti come firma. La lettera di mezzo, "Vav", significa sei - ecco perchè la stella ha sei punte. Le sei punte simbolizzano il potere di Dio sull'universo e la sua protezione da tutte e sei le direzioni: Nord, Sud, Est, Ovest, Su e Giù. Re Davide ha usato questo simbolo sul campo di battaglia sul suo scudo. Nel contesto ebraico poi la Stella di Davide è nota anche come Stella del Creatore, in cui ognuna delle sei punte rappresentano un giorno della settimana e il centro corrisponde al Sabato.

In ambito cristiano dal Re Davide sappiamo discendere il Messia, Gesù Cristo, e la stella a 6 punte ci riporta al mistero dell'Incarnazione anche perché costruita con due triangoli intersecati l'uno nell'altro e nell'antichità fu attribuita, come simbolo, a Maria: luogo d'incontro tra il Cielo e la Terra;

Presenza di questa stella nelle bandiere nazionali: Burundi , Guinea Equatoriale, Israele, Slovenia.


- la STELLA A 8 PUNTE:


è uno dei simboli fondamentali della dea Ishtar, il cui culto era diffuso in area mesopotamica, ma anche di tutte le divinità femminili corrispondenti, come Astarthe, Iside, Afrodite e Venere, per citare gli esempi maggiori. L’origine di tale associazione è dovuta a motivi di carattere astrologico. La dea, in generale, è sempre stata associata al pianeta Venere, che si presenta all’osservazione diretta nella sua duplice natura di "Stella del Mattino" e "Stella della Sera". Era noto già agli antichi astronomi sumeri che tale pianeta segue un ciclo di fasi la cui durata corrisponde ad otto anni terrestri, e quindi l’Ottonario è diventato uno degli attributi della dea e del femminino sacro.

Il cristianesimo ha assorbito questo simbolismo e nel passaggio dal culto della dea e della "grande madre" a quello della Madonna, Madre di Dio, la stella a 8 punte è diventata anche un attributo mariano.

La troviamo rappresentata più frequentemente sul suo capo, oppure sul manto, e possono indicare la verginità prima, durante e dopo il parto e/o anche i tre doni che la Santa Vergine ha ricevuto dalla Santissima Trinità secondo quanto rivelato da Lei stessa a Santa Matilde di Hackeborn:

1) onnipotenza in Cielo e in terra; 2) scienza e sapienza da sorpassare quella di tutti i Santi e di tutti gli Angeli; 3) amore misericordioso secondo solo a Dio.

Questa stella appare anche sul manto della Madonna di Guadalupe, che sappiamo esser stato disegnato da Dio stesso ed esser una vera e propria mappa di simboli significativi sia per l'antico popolo azteco sia per i cristiani del XVI secolo ma ancor di più per la scienza attuale che scopre ogni giorno nella tilma sorprendenti messaggi: una vera e propria "sindone" della Madre di Dio.

Nella simbologia cristiana il numero 8 rimanda rispettivamente: agli 8 sacramenti ( i 7 sacramenti della Chiesa più l'ottavo che è la comunione ecclesiale)
; al giorno dopo i 7 giorni della creazione, l'ottavo, il giorno della risurrezzione di Cristo, ossia la nuova creazione; alle 8 beatitudini predicate da Gesù nel Vangelo; e come già detto precedentemente questa stella, nella sua forma, si rifà inoltre, secondo la cultura precristiana, anche alla stella del mattino che veniva così rappresentato, la quale è entrata nella tradizione cattolica come uno degli attributi della Madonna e presente nelle Litanie Lauretane (STELLA DEL MATTINO e STELLA DEL MARE).

L'importanza di questa stella nel passato è enorme in quanto guida dei naviganti e dei viaggiatori, simbolo così della guida sicura a Gesù Cristo della Madre di Dio, Lei che è Madre della Fede, Madre della Chiesa. Dante Alighieri nella Divina Commedia, canto XII (88-90) del Purgatorio, sottolinea l'importanza di questa stella come luce che illumina il cammino.

La stella a 8 punte mostra tutta la sua cattolicità nella Basilica di San Pietro a Roma:

infatti dalla visita virtuale disponibile al seguente link si può costatare come molte di esse siano presenti sull'altare, sul pavimento circostante incastonate nel marmo e disegnate a decine nel centro della cupola attorno alla gloria di San Pietro.

Sono presenti anche sulla parete esterna del Palazzo Apostolico Vaticano, palazzo nel quale il Papa ha il proprio studio dalla cui finestra si affaccia per l'Angelus domenicale.

Presenza di questa stella nelle bandiere nazionali: Azerbaijan , Moldavia.


- la STELLA A 14 PUNTE:


A Betlemme sorge la Basilica della Natività, al cui interno si trova la Grotta della Natività: il punto preciso ove, secondo la tradizione, avvenne la nascita di Gesù è indicato da una stella d'argento a 14 punte. Sulla stella si trova l'iscrizione latina:

« HIC DE VIRGINE MARIA IESUS CHRISTUS NATUS EST »

(Qui dalla Vergine Maria è nato Gesù Cristo)

Le 14 punte rappresentano il numero delle generazioni da Abramo a Davide (14)
, da Davide alla deportazione in Babilonia (14) e dalla deportazione in Babilonia a Gesù Cristo (14), come riportato dal Vangelo di Matteo (Mt 1,1-16). 14 così diventa il numero perfetto per eccelelnza, aperto allo spazio dell'eternità: l'ottavo giorno della storia.

Presenza di questa stella nelle bandiere nazionali: Malesia.

Bisogna rendersi conto che quello che il maligno sta facendo con la stella a 5 punte è ciò che ha già fatto con "babbo natale" attraverso il quale ha distrutto l'immagine di San Nicola.

Da tanti anni assistiamo inoltre allo scempio architettonico e mobiliare che si fa nelle nostre chiese, dalle quali è scomparsa la Croce, ma fanno bella mostra di sé i vari simboli esoterici e massonici, anche se ben mimetizzati: la stella a 5 punte, la piramide con l'occhio, orribili pitture e sculture astratte moderne ...e tutto questo in un contesto in cui il Santissimo Sacramento viene relegato in "cantina" e spesso non è un modo di dire...


E' giunta l'ora di aprire bene gli occhi e di non farci ingannare, il momento di essere testimoni della Luce e non del mondo!
Essere vero "sale della terra", perchè se il sale perde sapore a che serve? Sarebbe solo ipocrisia..

Che anche il nostro grido, come nel Salmo 69, si elevi a Gesù Cristo dicendo:
"...mi divora lo zelo per la tua casa!"

LE STELLE CRISTIANE NEGLI STEMMI PONTIFICI: IL SEGNO DI PAPA FRANCESCO!


Carissimi amici, SIA LODATO GESU' CRISTO!!!!!!!!

Ho saputo della notizia che non immaginavo arrivasse ma Dio ha voluto farci sapere che ci assiste!

La notizia è che Papa Francesco ha fatto modificare il suo stemma pontificio!!!

Ecco il link della notizia datata 27/03/2013 su NEWS.VA


Che gioia indicibile!!! Soprattutto nel sito internet Vaticano è stata opportunamente modificata rispetto alla precedente pubblicazione con la stella a 5 punte, la quale è stata cancellata!!!

Ecco il link della pagina ufficiale vaticana.
Il mio cuore scoppia di esultanza e di lode a Colui che ci salva e mai ci abbandona nell'errore!

Quando infatti, alla nomina di Papa Francesco, fu comunicato ufficialmente sul sito vaticano lo stemma scelto dal Papa, io ne rimasi profondamente amareggiato: vi era la famigerata stella a 5 punte e ciò che è peggio fu l'associare la Vergine Maria a quella stella mondana.
Non sapevo cosa pensare e volli così esporre il mio pensiero, il mio allarme, a chi di dovere. Perciò redassi l'analisi che espongo successivamente e la inviai ad alcune personalità: sapevo però anche che non ero solo, molto fedeli la pensavano come me e sentivo in rete tanti che alzavano proteste verso quella stella a 5 punte.

Pensai subito di inviare la mia analisi anche al Papa per lettera ma poi decisi di fidarmi di Dio e di Papa Francesco, sapendo che Lui sa quel che fa e non mi sembrava per niente uno sprovveduto: quella stella però era per me un segno di una mano massonica che voleva approfittare del passaggio di potere per estendere le sue ragnatele, così capii che l'unica cosa da fare era pregare per il Papa.
Ora che lo stemma è stato modificato questo Papa si rivela per ciò che è: lo spirito di San Francesco è tornato veramente!!!

ECCO LA MIA ANALISI INVIATA IL 20/03/2013:

Ho letto sul sito vaticano la descrizione dello stemma pontificio di Papa Francesco.

Vi scrivo questo perchè da anni combatto per metter luce su questo inganno massonico che nell'ultimo secolo si è diffuso a macchia d'olio: parlo della stella a cinque punte. Essa è stata fatta entrare nella cultura comune, mondana, ma sempre per fortuna è stata tenuta fuori dalla Chiesa ufficiale: solo negli ultimi tempi molti cattolici e sacerdoti hanno cominciato ad utilizzarla al posto delle classiche e sacre stelle cristiane che da sempre venivano utilizzate per simboleggiare la stella di Betlemme e la SS Vergine Maria.
Le stelle cristiane di cui parlo sono quelle a 6 e 8 punte, ossia la stella di Davide e la Stella del mare o Stella del mattino. Avevo tempo fa fatto un'accurata indagine sulla stella a cinque punte e le stelle cristiane.

L'entusiasmo per il nome Francesco del nuovo Papa si è trasformato in amarezza quando ho visto lo stemma pontificio che ha voluto adottare, ossia lo stesso che aveva da vescovo, il quale contiene proprio la stella a 5 punte: è stato scritto sul sito vaticano e sui giornali che essa rappresenta Maria SS. secondo la tradizione araldica ma questo è falso! La stella a cinque punte è sempre stato un simbolo esoterico legato al satanismo, alla massoneria, al comunismo, al socialismo, all'islam, alle forze armate, al successo mondano...
La stella di Maria è sempre stata la stella di Davide (6 punte) oppure la stella del mattino (8 punte). Voglio chiedere a Voi se Papa Francesco è a conoscenza di tutto ciò..!?
Vedendo quella stella nello stemma pontificio la Massoneria italiana ha esultato, basta leggere la dichiarazione del Grande Oriente d'Italia, sezione italiana della Massoneria internazionale, su questo link.

Io non sono un complottista, sono solo un semplice cattolico devoto della Madonna e fedele al Papa (i due pilastri del sogno di San Giovanni Bosco) che soffre nel cuore nel vedere deturpata l'immagine di Maria e della Chiesa con una stella a cinque punte. Vi chiedo con tutto il cuore di poter solo far sapere al Papa queste mie riflessioni così magari da poter capire se il Sommo Pontefice non era a conoscenza del suo errore oppure, se l'ha fatto di proposito, quale possa essere il motivo di tale scelta. Il vero simbolo della Madonna negli stemmi dei papi è stato adottato con luce sublime dal grande Papa innamorato della Madonna, il Beato Giovanni Paolo II: è la M di Maria! Infatti la Madonna nelle sue apparizioni ha dato Lei stessa i simboli con cui rappresentarla:
1 - nell'apparizione a Rue du Bac ci ha dato la M sormontata dalla croce e il cuore immacolato trafitto da una spada: ci furono anche le 12 stelle ma ai tempi la veggente Margherita non descrisse in dettaglio le stelle, ne disse solo il numero, e sempre in quel tempo la chiesa mai aveva adottato stelle a cinque punte, perciò fu la Massoneria o l'ignoranza a far mettere le stelle a cinque punte sul capo della statua della Madonna nella cappella di Rue du Bac a Parigi. D'altronde se un veggente parla di stelle non può che far riferimento alle stelle del cielo, e nel cielo non esistono stelle a cinque punte!
2 - nell'apparizione a Guadalupe Dio attraverso Maria ci ha mostrato innumerevoli simboli, tra cui le uniche stelle disegnate non da mani d'uomo, le stelle sul suo manto, le quali sono stelle a 8 punte!
3 - come non pensare poi a Lourdes e a La Salette dove il vero simbolo della santità delle Vergine furono le rose: due gialle a Lourdes e tantissime di innumerevoli colori a La Salette.

Guardando i vari stemmi dei Papi sulla pagina dedicata del sito di Cathopedia ho potuto constatare il passaggio storico, ossia il momento in cui la stella a 5 punte con prepotenza e con piano massonico è entrata in sordina nella cultura mondana e purtroppo anche clericale: il suo ingresso nella storia della Chiesa lo fece nello stemma di Giovanni Paolo I, il quale come ben sappiamo morì in circostanze misteriose dopo soli 33 giorni di pontificato.

Ecco un elenco dei papi nei quali stemmi è presente il riferimento a Maria SS. usando una stella a 6 punte, ad eccezione di Pio VI in cui si utilizzò una stella a 8 punte:
- Pio X

- Leone XIII
- Gregorio XVI
- Pio VII
- Clemente XIV
- Benedetto XIII
- Clemente XI
- Clemente X
- Alessandro VII
- Clemente VIII
- Gregorio XIV
- Sisto V
- Niccolò IV

Io inoltre credo alle apparizioni di Medjugorje, proseguo di quelle di Fatima, e quindi so che viviamo un tempo molto difficile di tentazione per la Chiesa: desidero perciò aiutare il Vicario di Cristo a prendere consapevolezza di ciò che magari gli è nascosto.

Per favore, Ve lo chiedo di vivo cuore, passate questo messaggio al Papa, possa almeno sapere quello che pensa una pecorella del suo gregge sul suo stemma. Ditegli inoltre che io prego per lui, che possa essere quel Papa che ci porterà al trionfo del Cuore Immacolato!

dal sito http://portalecristianocattolico.jimdo.com/bibbia-e-pastorale/vigilate/la-stella-a-5-punte/

Torna ai contenuti | Torna al menu