Cattolici Protestanti ex evangelici | cristianicattolici - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.
Quando cliccate sul pulsante
avrete l'impressione che non stia succedendo nulla, o che il download sia bloccato, è normale, basta attendere 30-40 secondi lo studio verrà regolarmente visualizzato.
Non esitate a scriverci se avete bisogno di risposte, dei quesiti da proporre, delle segnalazioni da fare, o malfunzionamenti da segnalare all'indirizzo info@cristianicattolici.net

Per scegliere gli studi biblici di vostro interesse cliccate sul menu laterale la voce che vi interessa  sono selezionabili anche dal menù laterale che trovate sul lato sinistro di ogni pagina nella sezione Confutazioni al protestantesimo. Potete scaricare lo studio, salvarlo o stamparlo cliccando sul pulsante rosso in alto a sinistra di ogni pagina. ATTENZIONE quando cliccate sul pulsante per scaricare lo studio, avrete l'impressione che non stia succedendo nulla, abbiate pazienza, attendete circa 30-40 secondi e lo studio verrà visualizzato dal vostro Acrobat Reader.
Se non l'avete installato potete
trovarlo con un qualsiasi motore di ricerca. - Vedi Mappa sito.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL TESTO COMPLETO Considerazioni sui pentecostali (contiene mia testimonianza)


Il protestantesimo ragioni e torti
La mia esperienza con i pentecostali

E’ giusto cominciare spiegando il perché di questo mio lavoro, ad alcuni sembra -e me lo hanno più volte detto- che io scriva per ataviche antipatie verso il protestantesimo, o rancori mai sopiti verso i pentecostali. Non è così. Scrivo per difendere la vera fede, nel mio piccolo, senza aspirazioni velleitarie, ma nell’intento di far fruttare quei pochi talenti che il Signore mi ha dato. Ottenuto il ritorno della mia fidanzata pentecostale nella Chiesa cattolica, grazie a Dio, potevo chiudere tutto in un cassetto e basta, invece mi sono sentito in dovere di continuare ad approfondire questi studi biblici e, metterli a disposizione di tanti altri fratelli dubbiosi (e ignoranti) nella fede cristiana cattolica, che si lasciano convincere o influenzare dai protestanti, questi ultimi suddivisi in una miriade di denominazioni, alcune delle quali non gradiscono essere chiamate "protestanti", ma vorrebbero faziosamente essere indicate solamente come "cristiane", come se ogni gruppo, ad esempio i pentecostali che si dividono a loro volta in tanti rami e rametti, fossero davvero i soli veri cristiani. E’ bene sottolineare che per tutti i protestanti "noi cattolici non siamo cristiani", ma idolatri e pagani, ne consegue che i pentecostali nel loro voler essere chiamati solamente "cristiani" aspirano all’implicito riconoscimento di "veri cristiani".

Come diceva il card. Newman ex anglicano, nemico giurato della Chiesa di Roma, diventato cattolico,
"Studiare seriamente la storia della Chiesa significa smettere di essere protestanti".
Il vero problema è che solo in pochi o pochissimi protestanti conosco la storia della Chiesa, moltissimi pentecostali accusano solo per sentito dire, ma non hanno mai aperto nessun libro che riguardi la storia della Chiesa cristiana nei secoli, gli basta il pastore qualche film e internet per formare la loro "cultura" anti-cattolica.

Moltissimi protestanti e/o pentecostali piuttosto che vergognarsi o provare disagio per la propria ignoranza sul cristianesimo, la cullano, e perfino ne vanno fieri, dicendo la classica frase "A me interessa solo la Bibbia", frase che è già tutto un programma, nelle mani di ogni singolo pastore protestante.
L’ignoranza storico-biblica dei fedeli è fondamentale per poterli pilotare, con astuzia usano il dono delle lingue come cartina tornasole del vero cristiano, storcendone il vero significato e la vera missione. Il dono delle lingue serviva e serve per edificare popoli di lingue straniere, non per dimostrare di essere cristiani. Qualsiasi dono serve per la comunità e non per se stessi, i pentecostali invece ne fanno una sorta di carta d’identità del vero cristiano, chi ha il dono delle lingue è vero cristiano, chi non lo possiede non è un vero cristiano, questo almeno dicono in modo più o meno diretto (molti ci girano attorno) quasi tutti i pentecostali.


Secondo loro se non si parla in lingue significa che non si ha lo Spirito Santo! Questa è una delle più grandi eresie, e se vogliamo bestemmie, che insegnano quasi tutti i pentecostali.
Dimenticano, o forse non sanno nemmeno, che lo Spirito Santo lo ha chiunque crede in Dio e nella Santissima Trinità, perché la fede è un dono, il primo dono che Dio fa all’uomo, che tuttavia può anche rifiutare, infatti nonostante Dio voglia la salvezza di tutti gli uomini, molti non credono, rifiutano il dono della fede e quindi la salvezza.
Ma i pentecostali insistono, chi non parla in lingue non ha lo Spirito Santo!
Ma è davvero cosi?

Ci sono diversi casi nella Bibbia nei quali chi viene battezzato e riceve lo Spirito Santo non parli in lingue, come ad esempio s. Paolo quando fu battezzato da Anania.

Gv 20,22-23 "
Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi".

At 9,17 ss. "
Allora Anania andò, entrò nella casa, gli impose le mani e disse: «Saulo, fratello mio, mi ha mandato a te il Signore Gesù, che ti è apparso sulla via per la quale venivi, perché tu riacquisti la vista e sia colmo di Spirito Santo». E improvvisamente gli caddero dagli occhi come delle squame e ricuperò la vista; fu subito battezzato, poi prese cibo e le forze gli ritornarono."

Come mai qui chi rivette lo Spirito Santo non parlò in lingue?

Questa è una chiara e semplice dimostrazione di come i protestanti e i pentecostali fanno dire alla Bibbia quello che vogliono loro!

Un protestante serio che si mettesse a studiare la storia del cristianesimo, non per ripeterla asetticamente come una sorta di poesia imparata a memoria, ma per scorgervi i tratti fondamentali della fede cristiana alle origini, smetterebbe di essere protestante e diventerebbe cattolico romano, come diceva il card. Newmann.
In tutto il protestantesimo vige una fede fai da te!
Lo Spirito Santo ci guida a capire bene la Bibbia, è vero,  ma nel mondo protestante si usa questo pretesto per  coprire superbia e orgoglio misto ad una presunzione sfrenata e arrogante, che porta ogni pastore a diventare una sorta di "papa" infallibile nel dare insegnamenti ai fedeli.
Orgoglio, presunzione, arroganza, naturalmente non si vedono a primo approccio, nessun fedele  o pastore protestante o pentecostale mostra questi difetti tanto facilmente, appaiono tutti timorati di Dio, osservanti della Parola e pieni d’amore per il prossimo. Peccato che il loro prossimo nella maggior parte dei casi è chi non contrasta i loro insegnamenti biblici, viene amato o rispettato solo chi ascolta passivamente, e non contrasta quanto da loro insegnato. Chi si permette di dissentire dai loro insegnamenti, allora non viene più amato, spesso non viene salutato più, e alcune volte diffamato e odiato, con qualcuno di loro ci può essere un rapporto cordiale, ci si può salutare, ma in ogni caso i pentecostali non chiamano mai "fratello" un cattolico. Chiedete a costoro se amano il papa, ad esempio.

Per loro il papa rappresenta l’Anticristo quindi va odiato e accusato, e così tutti i vescovi e preti cattolici. In questo clima rientrano anche quei fedeli cattolici che si mostrano preparati e ferrei  nella dottrina cattolica.

Criticano l’infallibilità papale, ma di fatto, si comportano come infallibili, ognuno nella propria comunità! Il problema è che la Chiesa cattolica ha sempre avuto UNA sola dottrina, che discende dagli apostoli e quindi da Gesù, i pastori protestanti invece sono liberi di inventarsi quello che vogliono, tirando la giacca lo Spirito Santo, a garanzia delle loro eresie!
Probabilmente il peccato che più commettono i pentecostali, è quello di nominare il nome di Dio invano, proprio perché nominano troppo spesso e a sproposito lo Spirito Santo, per avallare le loro eresie.
Un giorno mentre ero a Messa furono letti i versetti di
Atti 15 e successivi,

"
Ora alcuni, venuti dalla Giudea, insegnavano ai fratelli: "Se non vi fate circoncidere secondo l'usanza di Mosè, non potete essere salvati".  Poiché Paolo e Bàrnaba dissentivano e discutevano animatamente contro costoro, fu stabilito che Paolo e Bàrnaba e alcuni altri di loro salissero a Gerusalemme dagli apostoli e dagli anziani per tale questione…"

Ascoltandoli riflettevo sul come siano diverse le comunità protestanti e pentecostali, che in caso di controversie sulla fede non si rivolgono ai vescovi, o al papa, non li hanno, (tranne qualche raro caso come i luterani) ma hanno il solo pastore, che se qualche fedele insiste troppo lo espelle dalla comunità, e questo magari dopo qualche mese fonda una nuova comunità che rispecchia le sue idee sul cristianesimo.
Non ci sono subbi sul fatto che Paolo e Barnaba avessero anche loro lo Spirito Santo, eppure nei casi di controversia non dissero superbamente "noi abbiamo lo Spirito Santo, quindi siamo sicuri di capire correttamente gli insegnamenti di Dio…", molto umilmente andarono dagli apostoli per discutere la questione della circoncisione, molti credevano infatti che solo i circoncisi potessero diventare cristiani.
L’umiltà sta alla base del cristianesimo, Gesù era umile, tutti i primi veri cristiani erano umili, e avevano ben chiaro cosa fare in caso di controversia, cioè andare dal collegio dei vescovi per discutere le questioni di fede. Cosa fa un fedele protestante quando si manifestano questioni di fede? Magari va dal pastore, ma non esistendo  consiglio dei vescovi, né il papa, tutto viene discusso da una sola persona, il pastore, e magari qualche anziano sempre della stessa comunità.  Ma, mancando la successione apostolica ognuno è libero di fare quello che vuole all’interno della propria comunità. Se ha idee diverse, esce e ne forma una nuova.

Non avendo autorità verticistiche riconosciute da tutti i fedeli,  ognuno può fare quello che più gli piace. E se ha dubbi il pastore? Se li fa passare chiedendo aiuto allo Spirito Santo, non va da nessun consiglio dei vescovi.
Poteva succedere che Simon Mago si mettesse a dire che gli apostoli non erano i veri cristiani, ma lo era lui, ed è successo veramente, lungo tutti i secoli non sono mai mancati gli eretici che si arrogavano l’esclusiva di veri cristiani, Ario fu uno di quelli che riscuotè moltissimo successo, mise in seria difficoltà i fedeli e la Chiesa, perché le eresie che predicava apparivano credibili agli occhi dei fedeli cristiani. Ma lo Spirito Santo non abbandonà la Sua Chiesa, e le dottrine di Ario pian piano scomparirono.

L’umiltà di rivolgersi alla vera autorità ecclesiastica fu annientata dalla superbia di Lutero, e nel mondo protestante vige sempre la regola della superbia, dell’orgoglio e della presunzione, ognuno chiama in causa lo Spirito Santo, sentendosi infallibile nel capire correttamente la Bibbia, ecco questo sta alla base del libero esame biblico insegnato da Lutero. Il risultato? Una miriade di denominazioni protestanti con dottrine che spesso si contrastano pesantemente tra loro. C’è chi crede nella Trinità e chi no, oltre a tante altre divergenze dottrinali,  eppure ognuno di essi si sente il vero cristiano.

Quanto sono lontani dall’umiltà che ebbero Paolo e Barnaba….che si rivolsero agli apostoli, piuttosto che dire orgogliosamente "Lo Spirito Santo ci suggerisce che siamo nel giusto…"!
Il problema sta quindi nella paurosa ignoranza mista a presunzione, che moltissimi protestanti e pentecostali hanno e cullano.
I cattolici sono meno ignoranti? No, la maggior parte dei cattolici, purtroppo è assai ignorante in materia biblica, ma almeno non si mette a fare da maestrina verso chiunque gli capiti a tiro. Il cattolico medio è cosciente della propria ignoranza, il protestante medio invece è assai presuntuso in campo biblico.

Un protestante che amarebbe, come dice, la verità, sentendo un cattolico citare padri della Chiesa, come Giustino martire, Clemente Alessandrino, Ireneo, e altri, tanto per menzionare solo quelli che vissero prima dell’imperatore Costantino,
andrebbe a verificare di persona, cosa scrivevano e come vivevano i primi cristiani, nostri antenati nella fede, per capire se e come la Chiesa cattolica sbaglia, oppure dove sbagliano i protestanti a interpretare la Bibbia.
Qualcuno dovrebbe casomai dimostrare che gli scritti dei Padri sono stati falsificati o alterati nel corso dei secoli, ma finora nessun ha dimostrato questo, né ha sollevato dubbi, o portato indizi.
Il protestante medio scarta a priori gli scritti dei Padri, fregandosene altamente di come vivevano i primi cristiani, e fidandosi solo del proprio pastore, ritenuto uno specialista biblico, a stretto contatto con Dio, dal quale riceve (o riceverebbe) spiegazioni sul significato di ogni versetto della Bibbia.

Per logica e razionalità umana, piuttosto che fidarsi di un pastore che spiega la Bibbia a oltre 2000 anni di distanza, bisognerebbe fidarsi dei primi padri, che appresero direttamente dalla viva voce degli apostoli l’insegnamento cristiano. Ma,
moltissimi protestanti non fanno uso né di logica né di razionalità umana, ma solo di ideologie anti-cattoliche, a priori e a prescindere dalla verità!
Tirando per la "giacca" lo Spirito Santo ogni pastore protestante gli fa dire quello che più gli piace,
tanto c’è il dono delle lingue, che attesterebbe la presenza dello Spirito Santo nel pastore di turno.
Non si capisce quale spirito suggerisca ad un pastore che si possono celebrare i matrimoni gay, vedi Valdesi, Luterani, Anglicani, e anche alcuni rami dei pentecostali; e ad altri protestanti invece lo stesso spirito suggerisca di non celebrare matrimoni omosessuali in chiesa.  Non si capisce nemmeno quale spirito suggerisca ad un pastore che la Santissima Trinità non esiste, mentre ad altri dica il contrario.
E, per ora mi fermo qui, perché l’elenco delle diversità dottrinali tra le varie comunità protestanti è assai lungo e pesante.
Eppure tutti costoro dicono, garantiscono, assicurano di essere loro i veri cristiani, perché convinti di avere il dono delle lingue, "la prova principale del vero cristiano".

Ma quanti veri cristiani esistono?
Io credo che lo Spirito Santo è UNO, quindi la Verità DEVE essere UNA, quindi nessuno di costoro si dovrebbe dire "vero cristiano", ma l’orgoglio e la presunzione (che non vengono da Dio) gli fanno dire questo ed altro, e in quest’ultima parola ci sono le tante accuse che muovono contro la Chiesa cattolica e i cattolici.

Quindi? Visto che quasi tutti i protestanti non fanno uso della razionalità umana, comportandosi come pecore, vuol dire che sono dei cretini?
No, assolutamente no, sono semplicemente dei manipolati, persone intelligenti che spengono i loro cervelli un attimo prima di entrare nelle loro chiese. Appena si toccano argomenti biblici, loro spengono i loro cervelli, lasciando accese solo le loro bocche, che ripetono quello che sentono dire ai loro pastori, come degli automi,
senza preoccuparsi mai di verificare un bel nulla. In realtà la maggioranza dei protestanti e pentecostali prima di avere la fede in Dio, ce l’hanno nel loro pastore, del quale si fidano ciecamente.

Se qualcuno lo fa, nel senso che comincia a chiedersi il perché di certi insegnamenti, di certi comportamenti, e vuole vederci chiaro, di persona, allora dopo un pò costui smetterà di essere protestante e diventerà cattolico romano. Nella realtà tanti pastori, e fedeli protestanti, accendono i loro cervelli, anche nel campo biblico, e non possono più fare a meno di entrare nella Chiesa cattolica. Ci sono infatti tante "conversioni" o ritorni di protestanti che diventano ex, ed abbracciano gli insegnamenti cattolici, rinoscendo la Chiesa cattolica come unica colonna a sostegno della Verità, cioè della Bibbia, nella sezione "testimonianze conversioni cristiane" di questo sito trovate diverse testimonianze di ex pastori e fedeli protestanti diventati cattolici.
Molti rimangono protestanti per un’ antipatia viscerale verso tutto ciò che è cattolico, non perché abbiano argomenti validi, seri, e ponderati da contrappore alla verità cattolica!

O meglio, con la bocca tentano di portare "validi" argomenti, contro la dottrina cattolica,
ma con i fatti non risultano credibili, proprio perché scartano a priori le prove della dottrina cristiana, vissuta in concreto dai primissimi cristiani, vissuti dopo gli apostoli ma prima di Costantino, che guardacaso rispecchia l’odierna dottrina cattolica romana.

Ho imparato dopo lunghi studi e approfondimenti a conoscere le varie dottrine protestanti, e pentecostali, apprendendo diversità dottrinali veramente profonde, come ad esempio quelle che esistono tra gli stessi gruppi pentecostali, ci sono infatti diversi tipi di pentecostali, alcuni credono nella SS. Trinità e altri no, ad esempio, oppure tra loro c’è chi beve veleno o si fa mordere da serpenti velenosi per dimostrare la potenza della Spirito Santo, peccato che alcuni pastori pentecostali americani sono morti nel corso di tali dimostrazioni, queste sono le cosiddette "Chiese dei Segni", c’è pure chi apprezza gli insegnamenti di Branham, che mischia sapientemente Piramidi, Oroscopo e Bibbia, credendosi la reincarnazione del profeta Elia. Ho menzionato la SS.Trinità perché è un pilastro della cristianità, ma le differenze dottrinali tra i vari gruppi sono molteplici e articolate, e non è questa la sede adatta a trattarle nel dettaglio, ho creato una apposita sezione sul sito web "Gruppi eretici e loro dottrine" che cita i maggiori gruppi ad oggi esistenti, ma si può sempre consultare il sito del Cesnur, per conoscere la miriade di denominazioni protestanti ad oggi esistenti, basta digitare Cesnur su un qualsiasi motore di ricerca. La fede cristiana è UNA, perché lo Spirito di Dio è UNO! Quindi molti sbagliano strada, cercheremo di capire chi è in quella giusta e chi è proprio fuori strada. L’unità è la coesione degli elementi, delle parti che compongono un ente (per esempio, la coesione tra le parti di un’automobile come la carrozzeria, le ruote, il motore ecc..) come già diceva Plotino, se viene meno l’unità viene meno anche quell’ente e ne possono risultare altri, ma non più quello di prima (se viene meno la coesione della carrozzeria, ruote e motore, non c’è più l’ente auto, bensì gli enti carrozzeria, ruote motore).
Gli enti che ne risultano, d’altra parte, sono costituiti da parti che sono coese, che hanno unità (il motore è costituito da pistoni, cilindri, bulloni, ecc.) Insomma, omne ens est unum, ogni ente ha un’unità delle sue parti. Ovviamente ci sono diversi gradi di unità, diverse intensità (una cosa è l’unità molto forte che sussiste tra le parti del corpo umano, un’altra quella debole che sussiste in un mucchio di sassi), ecco il protestantesimo somiglia tanto al mucchio di sassi.

Tramite il mio sito web www.cristianicattolici.net molti fratelli mi scrivono, sia cattolici che protestanti, ognuno per manifestare i propri dubbi o le proprie accuse, rispondo a tutti, per quello che posso, in maniera dettagliata, consigliando a ciascuno di approfondire il tema scaricando gratuitamente il relativo studio biblico dal mio sito, dalla sezione "Confutazioni al Protestantesimo". In ogni caso mi rendo conto che dovrei fare di più, studiare ancora di più, perché spesso la stanchezza lavorativa non me lo permette, a volte sono vittima della pigrizia, non sono un pensionato o un disoccupato, quindi devo dedicare i miei ritagli di tempo a questi studi, e spesso qualche ritaglio manca. Questi studi stratificati e aggiornati spesso, li ho iniziati nel 2000 con grande fatica, partendo da una situazione di grande ignoranza biblica, tassello dopo tassello continuo ad ampliare i dettagli biblici, allo scopo di aiutare il più possibile i fratelli dubbiosi.

Naturalmente parto dal presupposto della Fede, che mi è stata donata da Dio, mi rendo conto che la resurrezione di Cristo non è facilmente digeribile da chi non ha fede, e forse anche da chi c’è l’ha un po’ sbiadita. Bultman ad esempio, famoso teologo ed esegeta protestante luterano, ha ridotto la resurrezione ad un simbolo teologico, non riteneva infatti possibile che fisicamente Gesù fosse risorto, e con lui qualche teologo cattolico come Kung. Pascal diceva: "Con che ragione ci vengono a dire che non si può resuscitare?

Che cioè più difficile essere o ritornare ad essere? L’abitudine ci fa sembrare facile l’essere; la mancanza di abitudine ci fa sembrare impossibile il ritornare ad essere. Che modo ingenuo, popolare di giudicare!" Oggi si potrebbe obiettare che proprio gli esempi fatti da Bulmann nei suoi testi (l’elettricità e le onde radio) mostrano l’esistenza di <> che prima non si conoscevano e si ritenevano <>. Soprattutto sono <> che non si vedono, ma di cui si constatano gli effetti. Parafrasando una battuta di Chesterton potremmo dire:
se bisogna credere a qualcosa che non si vede, ma mostra di esistere col produrre effetti, pare più sensato credere all’esistenza di Dio e alla presenza di Gesù risorto, che a quella di un microbo. Anche perché gli effetti dell’azione del primo caso sono un po’ più visibili e interessanti di quelli del microbo." (cfr Indagine su Gesù, A. Socci). Non è facile comunque dimostrare l’esistenza di Dio e di Gesù risorto a chiunque, io credo per fede, mi fido del Vangelo, non rinunciando alla mia ragione, anzi fede e ragione si sposano rafforzandosi a vicenda. Avendo grazie a Dio il dono della fede, in ogni caso non fu facile capire le ragioni e i torti delle dottrine protestanti, partendo da una situazione di profonda ignoranza biblica, nella quale io ero, e purtroppo sono molti cattolici, cercavo su Internet risposte che non trovavo, erano solo i siti web dei protestanti che trovavo in grande quantità e ricchi di accuse verso la dottrina cattolica. Non riuscivo a capire come mai la Chiesa cattolica non avesse pubblicato qualche libro o sito web che potesse essere di sussidio ai fratelli cattolici dubbiosi, inquinati dal proselitismo protestante.

"Un missionario mi diceva: « Da 21 anni mi trovo in Birmania, non ho sentito mai un pagano bestemmiare. Quei pagani sono naturalmente buoni, ospitali, fedeli alla moglie, onesti, religiosi. Giunto in Italia e sbarcato a Napoli, appena messo piede sulla panchina ho cominciato di nuovo a sentir bestemmiare. Sono convinto che si salvano piú pagani che cristiani, perché i pagani non conoscono Gesú, i cristiani invece generalmente lo disprezzano o lo ripudiano »." (Padre Ildebrando A. Santangelo)
Per moltissimi protestanti comuni, soprattutto pentecostali, alcuni termini biblici vanno letti secondo la nostra interpretazione moderna, ignorando totalmente l’evolversi dei linguaggi, e soprattutto i contesti culturali dove quelle parole veniva usate. Parole che talvolta assumevano significati completamente diversi da quelli odierni. Sbagliano completamente l’interpretazione di alcuni termini biblici, ma la loro arroganza gli impedisce di accorgersene.

"Ogni lingua cambia costantemente, evidentemente senza mai smettere di funzionare. Ogni lingua di cui si cerca di descrivere il meccanismo si trova in un processo di modifica. È sufficiente un momento di riflessione per persuaderci che questa osservazione è valida per tutte le lingue e in ogni momento. Facciamo un esempio. Nel Medio Evo, il "
cappuccio" indicava la parte del vestito che nascondeva il viso dei monaci; dopo la comparsa del treno a vapore, il nome si applica anche alla placca metallica circolare destinata a turare l’orifizio di un caminetto della locomotiva. Nel linguaggio corrente, la stessa parola indica, per esempio, la parte di una biro che protegge la penna.
Nel suo libro Semantics and Common Sense, Louis B. Salomon,
professore di inglese all’università di Brooklyn, sottolinea chiaramente che non c’è che un modo per conoscere il senso di una parola: Il senso primario e comunemente accettato di una parola, in
un dato momento, è determinato dall’impiego che l’utente
fa di questa parola."

La parola
"alcool". Questa parola derivata dall’arabo al kuhl ( الكـُحـْل ) che indica l’antimonio polverizzato, utilizzato dalle donne arabe del lontano passato come di oggi per il trucco degli occhi. All’epoca romana, la parola prese a significare "puro". Quando la distillazione produsse il liquido che apparve "puro" lo chiamarono "alcool". La parola ripassò in arabo sotto forma di al kuhul ( الكـُحـُول ). Le due parole provengono dalla stessa radice. Tutte e due sono usate oggigiorno. Sarebbe insensato pretendere che il vero significato proviene dalla prima parola piuttosto che dalla seconda.

Ad oggi non conosco nessun sito ufficiale, cattolico, che affronti in maniera esauriente punto per punto le tematiche che vedono contrapposte la dottrina cattolica con le protestanti. Ecco perché nel 2001 ho pubblicato il sito cristianicattolici.net, per sopperire alla mancanza cronica di risposte ufficiali e facilmente accessibili al grande pubblico, ci sono diversi siti di apologetica cattolica fatti da fratelli volenterosi, ma nemmeno uno curato da qualche vescovo o prete ad esempio. Devo ringraziare il mio amico e fratello nella fede, Gino Basile, che mi portò gli opuscoli di Frà Tommaso Maria di Gesù, dei frati minori rinnovati di Palermo, questi opuscoli successivamente pubblicati in un libro "Bibbie e Cristiani a confronto ed. Herbita" li trovate sempre sul sito, alla sezione "Frà Tommaso", mi furono di molto aiuto per capire meglio i punti di divergenza tra cattolici e protestanti, comprendendo le ragioni cattoliche. Ricordo che alcune volte mi aiutò pure il sig. La Fata Baldassare, oggi diacono, lui ormai da anni ex anziano dei testimoni di Geova conosceva molti punti eretici che i tdG condividono con protestanti e pentecostali, come ad esempio la errata interpretazione dell’Eucaristia, la comunione dei santi, l’idolatria, Maria la Madonna, il Purgatorio, i fratelli di Gesù e altri punti dottrinali.

La Fata mi fece capire l’importanza della corretta esegesi biblica, e i collegamenti tra Vecchio e Nuovo Testamento. Piano piano mi appassionai sempre più verso l’approfondimento biblico, e non mi scoraggiavo affatto nel leggere grossi volumi di patristica, ma anche libri protestanti, li confrontavo, perché bisogna sempre conoscere bene ciò di cui si parla. In quegli anni frequentavo un gruppo di Neocatecumeni, facevamo degli studi biblici, ma ovviamente questi non erano incentrati sulle diatribe tra cattolici e protestanti, ma solo a conoscere la sublimità della Parola di Dio. Domandavo al parroco che guidava quella comunità alcuni chiarimenti dottrinali che potessero aiutarmi a poter capire meglio e, rispondere ai pentecostali, ben conscio che io all’epoca ero molto ignorante in campo biblico, ricevevo risposte ovvie, ma non mi soddisfacevano, per affrontare un discorso con i pentecostali servivano dettagli minuziosi e non risposte ovvie. Ecco, molti preti non vivendo in prima persona gli effetti del proselitismo protestante, non si preparano minuziosamente su certi temi biblici. E’ un po’ quello che accade a molti preti che non fanno esorcismi, se gli si presenta un caso, non lo sanno affrontare adeguatamente, il fratello bisognoso o rimane con le sue sofferenze o viene mandato da qualche esorcista incaricato dal vescovo. C’è pure qualche vescovo che non crede negli esorcismi o nell’esistenza di Satana, trasformando il tutto in articolati discorsi teologici, magari belli da ascoltare, ma errati nella sostanza. Molti preti sono troppo indaffarati a mandare avanti la loro affollata parrocchia per trovare il tempo di studiare dettagliatamente le divergenze dottrinali tra cattolici e i vari gruppi protestanti.

Le risposte che mi davano alcuni preti le trovavo pure nella dottrina cattolica, a me servivano però collegamenti biblici, spiegazioni molto dettagliate, che solo chi si occupa di apologetica cristiana conosce. Purtroppo l’apologetica oggi sta facendo la fine degli esorcismi, non viene considerata dalla maggior parte dei preti e anche dalla maggior parte dei vescovi, quindi non gli dedicano il tempo che merita, con la scusante dell’Ecumenismo. Essere ecumenici è un conto, sincretici è cosa assai diversa, il relativismo negli ultimi tempi la sta facendo da padrone, sia tra laici ma anche in qualche parte del clero, come sottolineava giustamente papa Benedetto XVI.  Da circa dodici anni ho intrapreso questa lunga strada dell’apologetica cristiana, e ancora non ho visto un libro "ufficiale" della Chiesa, che aiuti a rispondere dettagliatamente e, punto per punto ai protestanti. Insomma bisogna incontrare uno "specialista" per avere risposte dettagliate, e io non lo trovai, dovetti arrangiarmi con una sorta di paziente "fai da te", grazie a Dio trovai almeno l’aiuto di quegli opuscoli di Frà Tommaso, e qualche lezione biblica del diacono La Fata.

Raccontare ora queste vicende non è facile, ricordo che attraversai molti momenti di scoraggiamento, nei quali volevo mollare tutto, ma soprattutto è assai difficile rendere per lettera le sofferenze e i sentimenti che si provano quando ci si trova davanti ad un bivio. Emanuela non mollava, non fu facile convincerla, naturalmente solo Dio può muovere i cuori, io ero solo un suo mezzo, un suo canale, molte volte pensai di lasciarla, perché capivo che non potevamo sposarci vivendo due fedi diverse, sì, entrambi credevamo in Cristo, ma le differenze dottrinali erano troppe, il matrimonio non sarebbe durato a lungo. Capivo che per sposarci Emanuela doveva capire spontaneamente, senza forzature, non potevo imporgli la dottrina cattolica in nome del nostro amore. Non volevo "ricattare" Emanuela, facendo leva sul nostro amore, pur di farla ritornare cattolica, l’amore probabilmente avrebbe trionfato ma non sarebbe durato. Emanuela non era nata pentecostale, ma lo era diventata da adolescente. Prima di sposarmi cominciavo a studiare e scrivere subito dopo cena, continuando fino a notte inoltrata, da sposato non posso assentarmi dalla famiglia ogni sera, sottraendo tempo a moglie e figli, anche perché lavorando tutto il giorno praticamente mi vedono solo la sera dopo le 20:30, per cui spesso mi alzo la mattina presto, mentre loro dormono, per studiare e scrivere, e non sottrarre a loro il tempo che dedico agli approfondimenti biblici e dottrinali, in ogni caso in questo campo non si finisce mai di apprendere ulteriori dettagli, frutto dell’approfondimento.

I piccoli sacrifici li devo fare io, non li posso far fare ai miei figli che ancora non capiscono, ma che vedono la mia assenza quando mi metto a studiare in loro presenza. La verità cristiana è la cosa più importante, per approfondirla voglio dedicarci il mio tempo, non sottraendolo ai miei bambini e a mia moglie, il silenzio mattutino, mentre loro ancora dormono, è un tempo ideale. Ancora oggi continuo a studiare e approfondire determinati argomenti, acquistando qualche libro interessante, come ad esempio quelli che spiegano come nacquero i Vangeli sinottici, e che affrontano la problematica della traduzione biblica dall’aramaico al greco, e da quest’ultimo in tutte le altre lingue oggi esistenti. Ad esempio molte parole oscure e apparentemente contraddittorie che troviamo nella Bibbia si chiariscono facilmente ritraducendo il testo greco in aramaico. Nonostante l’opinione comune di molti biblisti, ho scoperto che il Nuovo Testamento originariamente fu scritto in aramaico e poi tradotto in greco, il Vangelo di Marco ad esempio fu scritto intorno al 40-45 d.C. e tutto il Nuovo Testamento prima dell’anno 70 d.C. Nel corso di questa lunga introduzione-testimonianza, toccherò alcuni argomenti biblici, che verranno approfonditi in appositi capitoli,
qui verranno solo accennati per motivare le riflessioni che farò.

I punti di divergenza con i fratelli protestanti e/o pentecostali sono molti e meritano dei capitoli dedicati, che sviscerino e dettaglino in maniera profonda i versetti biblici che vengono interpretati in maniera diversa, portando a divergenze a volte assai profonde con noi cattolici, ma anche tra i vari gruppi protestanti stessi. Per confrontare efficacemente le diverse interpretazioni bibliche proposte dai vari gruppi protestanti, che si oppongono tutte a quella cattolica, bisogna avere il più possibile la mente sgombra da ideologie e preconcetti che limitano in qualche modo la nostra razionalità. Bisogna essere aperti a qualsiasi ipotesi se adeguatamente motivata e provata. Se ci si basa su assunti ideologici che ci vincolano alle nostre convinzioni dottrinali, a prescindere da quello che possiamo leggere o ascoltare lungo la nostra vita, possiamo fare a meno di leggere o ascoltare qualsiasi testo o persona, tanto è inutile, il nostro orgoglio ci impedirà di apprendere verità diverse dalla "nostra". Spesso difendiamo la nostra ignoranza biblica con un guscio impenetrabile, ci teniamo la nostra verità, rifiutando qualsiasi altra tesi, che sbatte sul guscio e scivola via, senza nemmeno averla ascoltata veramente.

Conosco diversi fratelli protestanti, con alcuni siamo amici, li reputo persone intelligenti sul piano lavorativo e sociale, c’è chi svolge la professione di artigiano ed eccelle nei lavori che esegue, qualcuno è insegnante, un amico è ingegnere, un altro dottore, uno meccanico, insomma se osservo ciascuno di loro operare nella rispettiva professione, posso dire che usano e sfruttano la propria intelligenza e razionalità nel campo lavorativo e all’interno della società in cui vivono.
Lo stesso vale per alcuni extra comunitari mussulmani che conosco, anche in loro vedo intelligenza, c’è chi è muratore, chi panettiere, chi contadino, ognuno di loro applica razionalità nel proprio mestiere traendone frutto.

Appena si tocca il piano religioso/spirituale, stranamente è come se molti staccassero l’interruttore al proprio cervello, o almeno ad una parte di esso.
Quando si programma un telecomando sia esso per TV o per videogames, praticamente lo si abilita a ricevere e trasmettere impulsi e informazioni solo per una determinata marca di TV o di console game. Se nelle vicinanze o nella stessa stanza abbiamo un altro  TV color, o un'altra console, il telecomando o joypad non comunica con l’altro/a, non riceve né manda impulsi/informazioni ad una marca diversa di apparecchiatura.

Lo stesso accade ai cervelli dei protestanti o dei mussulmani ad esempio, questi ultimi sono in grado di eccellere nelle proprie professioni, alcuni di loro addirittura hanno progettato (mussulmani) e realizzato l’attentato alle torri gemelle dimostrando sia pure sul versante criminale, una intelligenza non comune, eppure costoro pur assai intelligenti hanno sacrificato la loro vita per una ideologia estremista. Ecco, appena si tocca il piano religioso sembra che i cervelli vengano spenti per il 95% non si capisce perché, ma accade così.
Dicevo di alcuni amici protestanti bravi e intelligenti nel proprio mestiere, ma spenti sul piano religioso quando intraprendono un dialogo con un "telecomando" diverso dalla loro "marca".

In pratica è come se fossero programmati a ricevere informazioni solo dal loro pastore, o da gente della loro stessa denominazione religiosa, se dialogano con un cattolico, ad esempio non ricevono alcuna informazione, solo suoni che scivolano sui loro timpani, ma non arrivano al cervello.

Non prestano la necessaria attenzione che servirebbe a capire veramente il loro interlocutore, quando questi è in grado di rispondere e di proporre degli argomenti motivati e dettagliati sul piano biblico. In pratica tutti i pentecostali di mia conoscenza sentono il loro interlocutore cattolico, ma non lo ascoltano, c’è una enorme differenza tra sentire ed ascoltare. Se l’interlocutore cattolico è biblicamente ignorante, allora lo ascoltano, per meglio indottrinarlo con le loro teorie bibliche, alcune delle quali totalmente errate.
.

Continua....
abbiamo preferito interrompere qui il testo per non appesantire ulteriormente il caricamento della pagina, potete scaricarlo per intero cliccando sopra l'apposito pulsante ad inizio pagina, o sulla scritta Continua.







Torna ai contenuti | Torna al menu