Vivi o Morti - Immortalità dell'anima - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.

Scarica il testo in PDF



Astuta propaganda

Proprio in un giorno di grande dolore
(Era morto quel giorno proprio in quel rione, un giovanetto di nome Mario. Aveva solo 16 anni.)ho visto un volantino fatto cadere da mano ignota nelle cassette di posta in arrivo. Ho preso e ho letto:

"Speranza dei morti. Che la speranza dell'uomo di vivere dopo la morte sia basata sul possesso di un'anima immortale è una credenza tanto antica quanto diffusa (…).
I suoi sostenitori rispondono che essi hanno la prova scritturale. Ma che cosa dice la Bibbia?
Per la Bibbia tanto l'uomo che gli animali inferiori sono anime
( Il volantino è illustrato come una vignetta in cui accanto all'uomo compaiono un asino, un bue e una pecora qualificati tutti come anime viventi.) e perché essi muoiono tutti, si deve dedurre che le anime muoiono. E questo è  esattamente ciò che la Bibbia inequivocabilmente dichiara: "L'anima che ha peccato, quella morrà" (Ezechiele 18, 4-20). "Ogni anima vivente morì nel mare (Apocalisse 16, 3)"(E' una traduzione infelice e ingannevole).
Invece di essere basata sul possesso di un'anima immortale, la Bibbia mostra che la speranza dell'uomo è fondata sulla risurrezione".

Vediamoci chiaro
La mano ignota è quella dei testimoni di Geova. Vengono di nascosto come un ladro (cf. Giovanni 3,20), per rubare la vostra fede, approfittando del vostro dolore. E dopo questo tentativo di furto, che cosa vi danno in cambio? Vi dicono che dopo la morte non si va in cielo, ma si fa la fine dei pesci che muoiono nel mare, o del cane, che termina la sua esistenza sotto una macchina mentre attraversa la strada.

a) Vi dicono che la speranza dell'uomo di vivere dopo la morte tanto antica quanto diffusa, in cui l'umanità ha creduto fin dalle sue origini e in ogni parte della terra, è sbagliata.

Si risponde: Com'è possibile che la stragrande maggioranza degli uomini, tra cui tantissime elette intelligenze, si sia completamente sbagliata? Non è detto nel Vangelo che il Verbo Eterno di Dio, vera Luce del mondo, illumina ogni uomo? (cf. Giovanni 1,9).

b) Vi dicono che i giudei presero la loro credenza nell'immortalità dell'anima dai vicini pagani.
Si risponde: Chi sono questi giudei? Non sono forse quelle stesse persone che, ispirate da Dio, hanno scritto la Bibbia? Anche se il contatto coi popoli vicini ha contribuito a conoscere meglio certe verità, dopo che queste verità sono state avallate dallo Spirito Santo, devono dirsi parte integrante della Bibbia.

c) Vi dicono: Il gran numero di quelli che si professano di essere cristiani ritengono similmente che la speranza dell'uomo nella vita futura sia basata sul suo possesso d'un anima che alla morte va in cielo, purgatorio o inferno.
Si risponde: Dunque tutti (e sono miliardi!) si sarebbero sbagliati? Come mai Gesù Cristo, che è la Verità (cf. Giovanni 14,6), avendo assicurato i suoi discepoli di essere presente in mezzo a loro fino alla fine del mondo (cf. Matteo 28,20), li ha poi abbandonati in balìa dell'errore? Come mai lo Spirito di verità (cf. Gv. 16,13), mandato dal Padre perché rimanesse sempre coi discepoli (cf. Gv.14,16), non ha avuto la capacità di intervenire in difesa della verità?


d) Vi dicono: gli scienziati non hanno potuto scoprire nessuna prova che l'uomo abbia un'anima immortale.

Si risponde: Che valore ha la prova degli scienziati a favore o contro una verità di fede? Non dicono i geovisti che bisogna seguire la Bibbia come unica guida? Che significa questo appello agli scienziati? Se l'appello geovista alla scienza fosse valido, noi potremmo dire  che non c'è futura risurrezione perché gli scienziati non hanno potuto scoprire nessuna prova che l'uomo debba risorgere!
Comunque, noi sappiamo che moltissimi scienziati di ieri, di oggi, di sempre, hanno creduto e credono, da veri cristiani, che la vita umana continua subito dopo la morte: la scienza, in cui erano e sono versatissimi, non ha scoperto nessuna prova contro la loro fede cristiana nella sopravvivenza dell'uomo. Ecco qualche nome: Biagio Pascal, Isacco Newton, Lazzaro Spallazzani,  Luigi Pasteur,  Gregorio Mendel,  Enrico Medi,   Antonino Zichichi, fisico vivente di fama mondiale, e tantissimi altri.

Aspetto la risurrezione dei morti

Certo, la Bibbia parla della futura risurrezione dei morti e i veri cristiani, sempre fedeli agli insegnamenti della Bibbia, professano questa verità, nutrono questa speranza da secoli, anzi da millenni, prima ancora che apparissero sulla terra i tdG. Nel Credo che noi recitiamo i tdG danno rinnegato, è detto: Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà.

La vita d'oltretomba
La Bibbia, comunque, non parla solo di futura risurrezione: essa insegna anche in modo inequivocabile che l'uomo sopravvive alla morte. La nostra fine terrena non è come quella degli animali. Questo lo possono pensare e dire i tdG, non veri cristiani. Tra l'uomo e gli animali vi è un abisso incolmabile: Il Dio della Bibbia ha fatto l'uomo di poco inferiore agli angeli (Salmo 8,6).
Gli animali cessano di respirare e di esistere: muoiono per sempre. Non così l'uomo. Per lui cessare di respirare non significa cessare di esistere: Dopo la vita terrena, condizionata dalle presenti leggi biologiche, l'uomo continua a vivere in un nuovo stato di vita, seguita a suo tempo dalla risurrezione dei corpi.
Per evidenziare meglio la truffa geovista (perché d'una grande truffa si tratta), noi preferiamo parlare di vita d'oltretomba, di sopravvivenza dopo la morte, piuttosto che di immortalità dell'anima. Non già perché non vi sia nell'uomo una componente immortale, che sfugge cioè alla morte del corpo e che possiamo chiamare anima, ma solo perché tutta la truffa geovista è basata sui loro cavilli ed equivoci circa la parole "anima".


PARTE     PRIMA

L'INSEGNAMENTO
DELL'ANTICO TESTAMENTO


La creazione dell'uomo
Analizziamo, prima di tutto, il racconto biblico della creazione dell'uomo. Questo aiuterà a capire meglio la dottrina biblica della sopravvivenza dell'uomo dopo la morte o, che è lo stesso, l'immortalità dell'anima.

"Allora Jahve Dio plasmò l'uomo con la polvere del suolo e soffiò nelle narici un alito di vita (neshamah); così l'uomo divenne un essere vivente (nefesh hayyâh)" (Genesi 2,7, Garofalo).

Spiegazione:

a) Tutti gli studiosi della Bibbia sono unanimi nel dire che l'autore sacro descrive qui due distinte operazioni divine: la prima riguarda la formazione del corpo senza vita; la seconda, l'origine della vita umana mediante l'aggiunta di un soffio divino (neshamah), causato direttamente da Dio.
La polvere del suolo plasmata da Dio è una figura inerte, cioè un corpo senza vita. Allora Jahve aggiunse al corpo senza vita il soffio divino. In virtù di questo nuovo elemento la figura inerte divenne nefesh hayyâh. "Qui si vuol dire che Javhe pose in quel corpo (soffiò) ciò che lo fece diventar vivo" (Salvatore Garofalo, La Sacra Bibbia, vol. I, commento a Genesi 2,7).

Il nefesh hayyâh equivale a figura umana plasmata più soffio divino. Schematicamente, il pensiero dell'autore sacro può essere espresso con la formula seguente:

polvere plasmata +

soffio divino          =

nefesh hayyâh.

Commenta la Bibbia di Salvatore Garofalo:

"Noi sappiamo che quanto fa vivo l'uomo è l'anima, sostanza spirituale. Che l'Autore voglia qui insegnare la presenza nell'uomo, di due elementi risulta dal confronto col verso 19, dove gli animali dono modellati dal suolo, ma non si parla a loro riguardo di un alito soffiato direttamente da Dio".

b) L'espressione ebraica nefesh hayyâh, ossia il composto umano (polvere plasmata più soffio divino) può essere tradotta in vari modi. L'antica versione latina detta    Volgata traduce anima vivens; così pure alcune versioni in lingue moderate hanno "anima
vivente".

Ma qui "anima" vuol dire "persona", ossia l'uomo tutto intero, l'essere vivente umano(Così traducono quasi tutte le Bibbie moderne. Ne citiamo alcune: La sacra Bibbia di Salvatore Garofalo, La Bibbia Concordata, La TOB, La Bibbia di Gerusalemme, La Bibbia della CEI, La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, EP., La Sacra Bibbia in lingua moderna, La Revised Standard Version, La Sacra Bibbia a cura di Louis Pirot (francese) ecc.). Non vuol dire anima quale soffio divino o sostanza spirituale, com'è intesa abitualmente nel linguaggio corrente. Questi due significati di anima come parte spirituale e immortale dell'uomo e come persona sono distinti nel Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli.
I traduttori moderni, per maggior chiarezza e per evitare equivoci, preferiscono rendere il nefesh hayyâh con essere vivente, persona e simili. Se qualche traduttore usa ancora il termine anima per Genesi 2,7b, si premura di precisare che tale parola, in tal caso, va intesa nel senso di composto umano o persona, non come soffio divino o anima spirituale
(La Sacra Bibbia a cura dell'Istituto Biblico, Roma, nota a Genesi 2,7 e a Ezechiele 18,4)Fanno eccezione i tdG che preferiscono giocare sempre sull'equivoco per turlupinare la gente.

Un imbroglio geovista
L'errore:
" Per creare l'uomo,  prese Dio un'anima néfesh o psyché che svolazzava nei cieli invisibili come una farfalla e la imprigionò in un corpo umano (…). No: ma leggiamo ciò che nella sua propria Parola scritta il Creatore dice di essa: "E Geova Dio formava l'uomo dalla polvere della terra e gli soffiava nelle narici l'alito (neshamáh, ebraico) della vita, e l'uomo divenne un'anima (néfesc) vivente". Così venne all'esistenza la prima ani,a umana" (tratto da "Cose nelle quali è impossibile che Dio menta" , pp. 139-140).

La verità: Per creare l'uomo, Dio non prese certamente una farfalla svolazzante nei cieli invisibili, ma aggiunse alla polvere plasmata il soffio di vita proveniente da Lui stesso. Questo soffio si può chiamare anima nel senso di elemento spirituale. Questa "anima" non è il nefesh.
Alla base dell'imbroglio geovista sta la confusione che essi volutamente fanno dei due significati, che la parola anima può avere: quello di soffio divino (neshamah) o elemento spirituale aggiunto al corpo; e quello di composto umano o essere vivente umano o persona (nefesh).
Il nefesh hayyâh non significa "anima" nel primo senso. Tradurlo "anima vivente" è una traduzione infelice, che si presta a tradire la Parola di Dio come fanno appunto i geovisti.

"La parola anima è usata per tradurre l'ebraico nefesh. La traduzione è infelice. L'ebraico nefesh non corrisponde al nostro concetto abituale di anima.

Il nefesh non è l'anima
Insistiamo nel dire che la parola ebraica nefesh non significa anima nel senso in cui questo vocabolo è usato ordinariamente nel linguaggio comune.
Secondo gli studi più accurati dei biblisti la parola ebraica nefesh può avere i seguenti significati:
1 - Essere vivente, uomo o animale, così come appare ai nostri sensi.
2 - Persona (uomo o donna), quando il nefesh è detto d'un essere vivente umano.
3 - Animale, quando il nefesh indica un essere vivente infraumano.
4 - Vita, sia umana che infraumana, secondo i casi, come risulta dal contesto.
5 - Tutti questi significati del nefesh possono essere espressi nelle nostre lingue coi pronomi corrispondenti io, tu, egli, ella, noi, voi, loro, essi, esso, essa, essi, esse.
I tdG, nella loro unica versione della Bibbia, quella autorizzata dalla setta, hanno deciso di usare sempre la parola anima per tradurre l'ebraico nefesh. Sulla testimonianza di tutti i grandi biblisti dobbiamo dire che la loro è una traduzione infelice.

Ecco un primo esempio di traduzione infelice:

In Genesi 1, 20-21 sta scritto: "Dio disse: Le acque brulichino di un brulichio di esseri vivi (nefesh) … E così avvenne. Dio creò i grandi cetacei e tutti gli esseri vivi (nefesh) guizzanti di cui brulicano le acque, secondo la loro specie" (Garofalo). E' ovvio che qui la Bibbia parla di pesci, non di anime.
Malgrado questo inequivocabile significato del testo biblico i tdG traducono:

"E Dio proseguì dicendo: Brulichino le acque di un brulichio di anime viventi (nefesh)… E Dio creava i grandi mostri marini e ogni anima vivente (nefesh) che si muove, di cui le acque brulicano secondo la loro specie".

In nessuna lingua moderna la parola anima indica un pesce, piccolo o grosso che sia; e neppure un animale selvatico o domestico, come per esempio la tigre, l'asino, il gatto, la pecora ecc. La traduzione geovista è sbagliata linguisticamente e concettualmente.

Perché lo fanno ?
La risposta non è difficile. Con la traduzione infelice della parola nefesh (anima anziché essere vivente) i geovisti preparano il terreno per convincere i meno accorti che l'anima muore, vale a dire che non vi è sopravvivenza per l'uomo subito dopo la morte. L'uomo farebbe la fine del cane. Si tratta evidentemente di un grossolano sofisma, ossia di un inganno.
Per scoprire l'inganno e il gravissimo errore antiscritturale basta ricordare ciò che abbiamo appena detto, vale a dire che secondo tutti i biblisti, che fanno autorità, l'ebraico nefesh non corrisponde al nostro concetto abituale di anima, quale componente spirituale e immortale dell'uomo.

Da ciò segue logicamente e sicuramente che la morte del nefesh non equivale alla morte dell'anima. Dalla morte dell'essere vivente umano, ossia della persona, non possiamo dedurre che l'uomo faccia la fine degli animali inferiori. La Bibbia non giustifica questa erronea deduzione.
Per illustrare: se uno dice: "Nella peste di Milano sono morte centomila anime", non intende affatto dire che la vita di quei deceduti sia cessata completamente, in modo assoluto. Egli intende dire che quelle persone (anima = Persona) hanno perso la vita terrena. Che tutti quei morti vivano ancora nel loro Signore in attesa della risurrezione dei corpi il vero cristiano lo sa da numerosissime prove bibliche. Lo diremo in seguito dettagliatamente.

Norma pratica
Per scoprire l'inganno geovista suggeriamo la seguente norma:

Sempre che nella traduzione della Bibbia geovista o citazioni da essa, specie dall'Antico Testamento, trovate la parola "anima", sostituitela con termini meglio corrispondenti al testo ebraico (nefesh) come "essere vivente", "persona", "uomo", "animale" e simili, oppure coi relativi pronomi.

Attenendovi a questa norma, troverete il vero significato della Parola di Dio, scartando quello falso della propaganda geovista. Scoprirete pure quanto sia errata l'affermazione dei tdG che hanno scritto:

"Secondo più di sessanta dichiarazioni che si potrebbero citare dalle Scritture Ebraiche, l'anima umana non deve dirsi senza morte o a prova di morte. Essa deve essere mortale. (da "Cose nelle quali è impossibile che Dio menta" p.144).

Esempi di equivoci geovisti
- L'errore:
"Per la Bibbia tanto l'uomo quanto gli animali inferiori sono anime, e perché essi muoiono, si deve dedurre che le anime muoiono. E questo è esattamente ciò che la Bibbia inequivocabilmente dichiara 'L'anima che ha peccato, quella morirà ' " (Ezechiele 18, 4.20)

La verità: Nel testo ebraico di Ezechiele 18, 4.20 non vi è anima ma nefesh. La traduzione esatta e fedele è la seguente: "Morirà la persona che pecca" (Garofalo). Qui non centra la morte dell'anima. Ezechiele voleva dire che la persona o uomo che pecca, non un suo discendente, sarà punito da Dio con la privazione della vita terrena. Ezechiele credeva nello Sceol, ossia nella sopravvivenza dell'uomo subito dopo la morte. (cf. Ezechiele 32, 17-32).

2 - L'errore:
I tdG traducono Numeri 31,19: "Ognuno che ha ucciso un'anima …. Vi dovreste purificare". Parimenti Giosuè 10,35: "E quel giorno votarono ogni anima alla distruzione"

La verità. E' una traduzione infelice ed equivoca nell'uno e nell'altro caso, come in tantissimi altri. Sia in numeri 31,19, che in Giosuè 10,35 non si tratta di anime, ma di persone o nemici uccisi in guerra. Ad essi è stata tolta la vita terrena. Nulla si può ricavare contro la sopravvivenza dopo la morte. Gli Ebrei credevano che tutti i morti andavano nello Sceol.

3 - L'errore
: "Genesi 2,7 "Geova Dio formava l'uomo dalla polvere della terra e gli soffiava nelle narici l'alito della vita, e l'uomo divenne un'anima vivente". (Si noti che non vien detto che all'uomo fu data un'anima, ma che egli divenne un'anima, una persona vivente). (Il termine ebraico qui tradotto "anima" è nèphesh" (da Ragioniamo facendo uso delle Scritture, p.30)

La verità:

a) - In Genesi 2,7 è detto che Dio ha prima formato l'uomo dalla polvere e poi soffiato l'alito di vita. Questi due elementi, cioè polvere plasmata e alito di vita (neshamah), hanno costituito l'uomo cioè il nefesh vivente, la persona umana. Sì,       alla polvere plasmata fu dato l'alito di vita o spirito o anima immortale.

b) - Come abbiamo già detto, nefesh non significa anima, ma persona, essere vivente. Tradurre anima equivale a dare una traduzione infelice. Quasi tutte le traduzioni moderne della Bibbia traducino Genesi 2,7 con persona, essere vivente e simili. Fanno eccezione i tdG.

- L'errore
“Gen. 9,5: "Oltre a ciò, io richiederò il sangue delle vostre anime ( o "vite"; ebraico, da nèphesh)". (Qui è detto che l'anima ha sangue)” (da Ragioniamo facendo uso delle Scritture p.30)

La verità:

Ripetiamo ancora una volta che qui si tratta di persona o essere vivente umano. Tanto più che nella seconda parte del versetto si specifica che Dio domanderà conto “dall'uomo”. Qui è detto che l'uomo, non l'anima, ha sangue.

- L'errore: “Giosuè 11,11 "Colpirono ogni anima (ebraico, nèphesh) ch'era in essa col taglio della spada". (Si noti che l'anima può essere raggiunta dalla spada, per cui queste anime non potevano essere spiriti)” (da Ragioniamo facendo uso delle Scritture, p.30).

La verità:

Lo stesso imbroglio di prima, di sempre. L'anima che può essere raggiunta dalla spada è l'essere vivente, uomo o animale. Di questo parla il testo citato da Giosuè 11,11. Sì, queste anime, cioè questi esseri viventi, uomini o bestie, non sono puri spiriti. Ma da ciò non segue che Dio non abbia dato all'uomo, e a lui solo, un soffio vitale, uno spirito, un'anima spirituale e immortale, che non può essere raggiunta dalla spada (cfr. Matteo 10,28: Luca 12, 4-5, infra).

- L'errore:  “Lev. 24, 17-18: "Nel caso che un uomo colpisca mortalmente alcun'anima (ebraico nèphesh) del genere umano, dovrebbe essere messo a morte senza fallo. E chi colpisce mortalmente l'anima (ebraico nèphesh) di un animale domestico dovrebbe darne il compenso, anima per anima". (Si noti la stessa parola ebraica per anima è usata sia per il genere umano che per gli animali)”.

La verità:

a) - Si noti come i tdG, mediante un uso aberrante della Bibbia, degradono l'uomo a livello delle bestie. Dio ha creato l'uomo a sua immagine e somiglianza (cfr. Genesi 1,27), i tdG lo fanno a immagine e somiglianza degli animali.

b) - Sì, in ebraico la stessa parola nefesh è usata sia per il genere umano che per gli animali. Ma tale parola non significa anima. Il suo significato di base è quello di essere vivente. Stando così le cose, noi possiamo dire che sia l'uomo che l'anima sono esseri viventi, senza degradare l'uomo al livello delle bestie. L'animale è un nefesh o essere vivente di una specie radicalmente diversa da quella dell'uomo.


Continua...






Torna ai contenuti | Torna al menu