Vescovo Luterano diventa cattolico - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Da vescovo luterano e massone alla conversione alla Chiesa fino ad esserne sacerdote.

(ReligionenLiberdad.com)

Don Michel Viot
è un sacerdote cattolico della diocesi di Blois (Francia) ed è un uomo impegnato con i Cavalieri del Santo Sepolcro con le manifestazioni in difesa del matrimonio, consigliere del vescovo, responsabile della Caritas diocesana, cappellano della Prigione e Parroco. Inoltre spesso partecipa ad incontri pubblici per parlare nei media, di ecumenismo e di massoneria, due questioni che Don Michel Viot domina come pochi altri, perché era il vescovo luterano di Parigi dal 1996 al 2001 ed è stato anche "alto ufficiale" in Gran Loggia Nazionale Francese. Michel Viot tiene, poi, due "record" poichè è l'unico vescovo luterano che si è fatto un cattolico in Francia dal XVI secolo ed è l'ex massone francese più alto grado della Massoneria che ha cessato di diventare massone per scegliere di essere ordinato sacerdote cattolico. Nel 2011, don Michel Viot, ha festeggiato 10 anni di ritorno alla Chiesa Cattolica, dove era stato battezzato da bambino, ed ha scritto il suo itinerario nel suo libro "Da Lutero a Benedetto XVI" (formato di intervista, con Charles-Henri Andigné). Di famiglia Cattolica, don Michel Viot è nato nel 1944 e, come le sue due sorelle, fu battezzato cattolico, perché anche se suo padre era un massone militante sebbene si considerasse (erroneamente) anche un cattolico.

Però il papà di Michel gli permise, all'età di 10 anni, di andare a scuola Domenica e ricevere la catechesi cattolica. Di lì nasce il suo amore per la Bibbia e in una visita al santuario di Lourdes, ha acquisito l'amore per la Vergine Maria, dice, "la devozione mariana mi condusse a Gesù". Come adolescente, in vacanza in Alsazia, Michel ha incontrato un luterano e si fece luterano. A 22 anni tornò al cattolicesimo. Dice Michel in una intervista del 2011: "Ma penso che la cosa più importante è la preghiera alla Beata Madre di Dio, alla quale sono sempre rimasto fedele". Nel 1968 a 24 anni Michel Viot è stato ordinato pastore luterano ed è stato iniziato come massone nella Gran Loggia di Francia (6 mesi dopo). "Come il figlio di un massone, avrei potuto iniziare prima, ma non volevo, volevo essere prima Pastore, e poi Massone, ed ho voluto mettere in chiaro che Cristo è stato il primo", ricorda Viot. La Massoneria lo attirava perché suo padre era un massone e ammirava gli amici di suo padre. Gli piaceva il discorso massone di "apertura, la cultura, il senso di fratellanza". Questo nell'anno 1968, quando la Rivoluzione Culturale, tutti i valori sono messi in discussione, ma la Chiesa luterana di Parigi e la Gran Loggia di Francia sembravano allora oasi di stabilità e valori forti. Inoltre, c'era un ramo della Massoneria, forte in ambienti tra anglicani e nel Luteranesimo scandinavo, che chiedevano che i suoi membri fossero battezzati e non fossero militante laicisti.

Viot ha anche scritto un libro nel 1995 dal titolo "I massoni che credono in Dio", che è stato elogiato dallo storico Pierre Chaunus. Fu eletto vescovo luterano nel 1996 dal Sinodo luterano di Parigi (il termine tecnico è "ispettore ecclesiale"), ma con la impegno di non parlare pubblicamente della Massoneria di cui era diventato "Grande Ufficiale". Nel 1997 ha avuto la possibilità di essere presentato, come vescovo luterano di Parigi, a papa Giovanni Paolo II. Dice Viot: "Il Papa mi ha dato un abbraccio che non dimenticherò mai e mi sussurrò che era in trepidante attesa della dichiarazione congiunta sulla giustificazione per fede." Infatti, nel 1999, ad Augsburg, la Chiesa cattolica e le varie Chiese luterane hanno firmato congiuntamente una dichiarazione congiunta in cui entrambe le parti ammesse la dottrina della giustificazione per fede in una lingua accettabile per entrambe le tradizioni. Per Viot era una questione importante, e un frutto della enciclica "Ut unum sint" 1995. Ma con l'azione è arrivata la reazione. Molti luterani hanno criticato papa Giovanni Paolo II che ha offerto le indulgenze che Lutero aveva combattuto.

E Viot ha cominciato a studiare l'argomento per dimostrare che le indulgenze "moderne" (riformata dal Concilio di Trento e Paolo VI) avevano poco a che fare con gli abusi che Lutero nel 1517 aveva denunciato
. Così Viot ha concluso che l'unità dei cristiani doveva passare attraverso l'unità con il Successore di Pietro, e che non voleva morire al di fuori di tale comunione, tanto più che certe correnti luterane si sono sempre più allontanate dalla tradizione comune cristiana. Il Vescovo cattolico Daniel Pezeril e il prete Michel Riquet, approfondivano con Viot il dialogo ecumenico, e gli erano vicino lui per un dialogo intenso, mentre Viot studiava il Catechismo della Chiesa cattolica. Così Michel Viot, nel 2000, ha espresso il suo desiderio di diventare cattolico, e se potesse, in seguito, di diventare sacerdote. E 'stato detto che avrebbe dovuto lasciare la Massoneria. Sebbene fosse passato alla Loggia massonica "Gran Loggia Nazionale francese" in teoria più conservatore, per la Chiesa cattolica, gli hanno ricordato, nessuan loggia massonica è buona. L'essere cattolici è incompatibile con la Massoneria E così Viot ubbidì per amore per la Chiesa.

Così, nel 2001 Michel Viot tornò alla Chiesa Cattolica
, prima come semplice laico, anni dopo, come sacerdote, parroco, cappellano del carcere ... Da allora ha difeso Joseph Ratzinger (poi Papa Benedetto XVI), dagli attacchi di teologi dissidenti come il sincretista Hans Küng. Difendere la posizione cattolica in particolare, con gli ex-luterani mediante colloqui ecumenici. In particolari contro gli attacchi distruttivi al documento "Dominus Iesus", in cui Ratzinger ricorda l'insegnamento tradizionale della Chiesa sulle altre denominazioni cristiane e che cosa significa veramente comunione. Michel Viot predica l'unità dei cristiani, e ricorda la pressione dell'Islam, "dover scegliere tra inginocchiarsi davanti al Santissimo Sacramento, o togliersi le scarpe per entrare nella moschea".

Per quanto riguarda i luterani che mettono in dubbio l'unione con il Successore di Pietro, gli ricorda che "la dottrina della giustificazione per fede si trova negli articoli del Concilio di Trento che nel 1547 ha pubblicato", e che la riconciliazione avrebbe potuto essere teologicamente in quell'anno, con Lutero è morto nel 1546, ma "la trappola di parole" e molti interessi politici hanno impedito quello che doveva essere: l'unità dei cristiani! Per i luterani di tendenza "chiesa alta", che apprezzano la "Confessione di Augusta, l'Apologia e la Formula di Concordia del 1580", quello che suscita sospetto sono le questioni ecclesiologiche e la Mariologia. Dice don Michel Viot, ex vescovo luterano: "I luterani devono scoprire che dei dogmi mariani ed ecclesiologici non influenzano affatto l'unico e universale mediazione salvifica di Gesù Cristo. Invece, hanno trovato nel senso più completo". Per quanto riguarda la dottrina della "Dominus Iesu" (2001) per Viot è inevitabile. "Riflettendo solo sulla realtà attuale vediamo che non c'è alcun accordo firmato riguardo la ecclesiologia cattolica-protestante o i ministeri della chiesa.

La Chiesa cattolica non riconosce i ministri protestanti, e viceversa,
in modo che la intercomunione è molto limitata. In tali condizioni, Roma è necessaria per continuare lo sviluppo del Concilio Vaticano II, che si riferisce ai protestanti come 'comunità ecclesiale', non come una chiesa. Perchè vi sia un cambiamento i protestanti dovranno a tornare ai sette sacramenti e alla accettazione della successione apostolica ". Così il sacramento della Riconciliazione e il sacramento dell'Ordine Sacro sono sacramenti nel Cattolicesimo e non solo pratiche più o meno opzionali così come in alcune chiese luterane, e sono un vantaggio. Dice don Micel Viot: "Nonostante la crisi nel cattolicesimo la Riconciliazione non è paragonabile con l'assenza della loro pratica nella maggior parte delle denominazioni protestanti. Almeno nel cattolicesimo ha una chiara dottrina che può risolvere la situazione, E il fatto che l'ordinazione sacerdotale è un sacramento cattolico ha impedito qualsiasi deviazione nella celebrazione dell'Eucaristia. Solo un sacerdote ordinato può consacrare il pane e il vino. Mai e poi mai, nonostante la mancanza di sacerdoti, si può dare una "delegazione pastorale" per un profano di pratica, che è fatto in un gran numero di comunità ecclesiali protestanti. Infine, il ministero del Papa è da considerarsi come un prezioso frutto della grazia di Dio ".

Fonte: Gris-Imola

Torna ai contenuti | Torna al menu