Sessualità nella Bibbia Non e' vero che Dio benedice i gay - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scarica il testo completo


Di Pedron Lino
1 - IL SENSO DELLA SESSUALITÀ E DELLA COPPIA

Cerchiamo di fare un breve cammino di riscoperta positiva e vitale della sessualità.
L’argomento è sempre attuale perché è al centro del mistero dell’uomo e ogni uomo, in ogni tempo, si pone delle domande sull’amore, sul sesso, sul piacere.
Parlando di sessualità non intendiamo indicare solo l’aspetto fisico e genitale di essa, ma parliamo di tutto l’uomo nel suo rapporto con gli altri. La caratteristica di questo rapporto -trova la sua origine nella nostra sessualitàè l’amicizia, l’amore, l’intimità.
Tutti i rapporti più ricchi e più belli, più umanizzanti che abbiamo vissuto sono stati l’espressione della nostra sessualità anche se non ci siamo impegnati a livello fisico e genitale.
Tutti i nostri rapporti sono in qualche modo sessuati anche se non sono esplicitamente sessuali.
Il nostro orizzonte di vita è molto ampio perché l’amore, l’amicizia e gli affetti più teneri si esprimono con l’ampiezza illimitata di cui ogni uomo può essere capace.
In questo fascicolo non ci sofferemo su aspetti specifici e tecnici, ma cercheremo di cogliere il cuore, l’anima della nostra sessualità.
In questo cammino il punto di riferimento non sarà soltanto l’uomo in tutta la ricchezza dei suoi rapporti, ma anche e soprattutto la parola di Dio. Ci metteremo in ascolto della Parola e cercheremo di cogliere il disegno di Dio, la grazia, il dono presente nella sessualità umana.
La Parola ci permetterà di riscoprire come Dio vede l’uomo, e questa visione è frutto di un’esperienza vissuta nella quale è presente lo Spirito Santo.
Sentiamo il dovere di riferirci all’esperienza della sessualità vissuta e proposta dagli uomini della Bibbia perché questa meravigliosa esperienza umana è sostenuta, vivificata, liberata e purificata dallo Spirito.
Il messaggio contenuto nella Parola è reale e concreto per il nostro vivere quotidiano: trascurarlo, dimenticarlo o sostituirlo sarebbe un impoverimento per tutti perché perderemmo l’apporto dello Spirito e quindi quel contenuto divino della sessualità che, forse solo inconsciamente, già possediamo e viviamo.
Cercheremo di guardare alla sessualità con uno sguardo contemplativo pieno di attesa, di silenzio, di ascolto.
Ma con uguale intensità dobbiamo anche ascoltare il nostro tempo e la sua cultura. Non è difficile discernere alcuni aspetti negativi assieme ad altri positivi, tipici della nostra generazione. Possiamo fare un accenno a questi aspetti senza la pretesa di essere completi ed esaurienti.
Fra gli aspetti negativi c’è forse l’eccessiva importanza attribuita al sesso (in altri tempi forse era l’opposto!). Nei discorsi, nella letteratura, negli spettacoli e forse anche in certi orientamenti educativi il sesso acquista una tale rilevanza che polarizza tutta l’attenzione. Si finisce così per sopravvalutare solo la dimensione istintuale dell’uomo.
È proprio vero che con il sesso possiamo risolvere le frustazioni più profonde, restare giovani e mentenerci in forma?
Troppo spesso il sesso è stato ridotto a funzione, a bene di consumo, a un gioco. Ma ci sono anche segni positivi ai quali guardiamo con grande interesse.
Oggi c’è una forte riscoperta della coppia in quanto tale. Dato il tipo di società nella quale viviamo è un segno positivo e vitale il desiderio così diffuso di formare una coppia, di vivere una "vera storia a due", di crescere insieme, di ritrovare insieme la propria umanità, di riscoprire insieme la propria funzione nel mondo e nella storia.
In questa ricerca della coppia c’è la volontà di salvarsi da una società che vorrebbe appiattire e sommergere tutto.
C’è anche l’esigenza di riscoprire la coppia superando vecchi schemi e cercando una maniera nuova di essere coppia, di essere uomo e donna.
Prendiamo atto di questa ricerca e mettiamoci al suo servizio!
Non rinchiudiamoci in una posizione eccessivamente difensiva perché diventeremmo sterili e ripetitivi. Aiutiamo chi pensa a un tipo nuovo di famiglia perché questa realtà emerga e si realizzi per la gioia di tutti. Stiamo sulla frontiera di questa ricerca per aprire una porta sul futuro, oltre i mali e le pesantezze di oggi.
Certo non basta reagire alle deformazioni di ieri; conta molto di più costruire qualcosa di autentico e di valido per oggi e per domani.
È un lungo processo che è già in atto, per alcuni aspetti in maniera esplicita, per altri in forma sotterranea e nascosta.

Il mistero e la poesia della coppia.
Leggiamo un testo antico, di 3.000 anni fa, che ci parla della creazione della donna al capitolo 2 della Genesi.
Il brano è molto ricco di significato, è poetico e immaginoso, ci insegna in che cosa consiste l’unità della coppia e ci presenta la vocazione stessa della sessualità.
Al v. 7 leggiamo:"Allora il Signore plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita, e l’uomo divenne un essere vivente".
L’uomo è creato dal soffio di Dio ed è chiamato ad essere in relazione con Dio e con tutta la creazione. Al v. 15 si parla del giardino da coltivare e custodire, e questa è la vita concreta, dove l’uomo lavora ed esercita la sua capacità e la sua libertà: "Il Signore Dio prese l’uomo lo pose nel giardino di Eden perché lo coltivasse e lo custodisse". Ma c’è un rapporto, una relazione, un giardino che sono di fondamentale importanza per l’uomo: la donna. Al v. 18 leggiamo: "Poi il Signore disse: "Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile". ". Il primo capitolo della Genesi cantava la bontà e la bellezza della creazione, mentre qui si afferma per la prima volta: "Non è bene". Manca qualcosa.
Manca il rapporto dell’uomo con il suo simile. Anche se ha tutto, anche se la natura è splendida, l’uomo si sente profondamente solo.
Non è fatto per stare solo, ha bisogno di comunione, desidera una realazione al suo livello: non cerca qualcuno per il suo lavoro e neppure per il sesso, cerca un aiuto, un appoggio sicuro, un interlocutore, per potersi liberare dalla tristezza e dalla solitudine.
Il testo dice: "un aiuto che gli sia simile". La parola simile, nell’originale ebraico richiama molti verbi ricchi di significato: parlare, rivelare, annunciare, svelare, scoprire, interpretare. Si tratta dunque di un aiuto che farà da specchio all’uomo, che gli rivelerà il suo stesso io, che lo interpreterà, che potrà avere con lui un vero dialogo.
Il testo della Genesi continua (vv. 19-20): "Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutte le bestie selvatiche, ma l’uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile".
Ancora si vuole sottolineare che l’uomo è signore della creazione, dà il nome alle cose e collabora così al progetto di Dio in modo attivo (qui troviamo le radici del lavoro).
Però è come se non avesse nulla finché non trova chi lo chiama per nome e lo riconosce.
Nessuna delle creature è in grado di dirgli "tu" ed egli non può sopportare di parlare a vuoto.
Anche qui si vuole già far intendere che la donna sarà creata per la parola, per il dialogo, per la comunione. L’uomo cerca una comunità fondamentale perché ha bisogno di integrazione e di completamento. Ha bisogno di un’anima gemella!
Leggiamo ancora (vv. 21-22): "Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo".
Si parla di torpore che scende sull’uomo e della costola. Queste immagini sono ricche di significato.
La costola significa, prima di tutto, che l’uomo e la donna hanno la stessa natura e la medesima dignità. Ai tempi in cui fu scritta questa pagina, nei paesi confinanti con Israele, la donna era oggetto di considerazioni a volte contrastanti. Spesso era considerata una divinità, al di sopra della sfera naturale, oppure al contraio era vista talmente legata alla natura da essere considerata un semplice animale.
In questo racconto biblico la donna viene presentata come la vera compagna dell’uomo, l’unica che può avere un rapporto alla pari con lui.
Il sonno indica nella Bibbia il senso del mistero. L’uomo ricerca con ansia qualcuno per vivere in comunione, ma deve ricordarsi che questo qualcuno è un mistero per lui. Rispetterà l’altro come altro da sé, come mistero, e lo accoglierà sempre come dono senza tentare di dominarlo e di assoggettarlo a sé con le cose e con gli animali.
Il testo continua: "Allora l’uomo disse: "Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa.
La si chiamerà donna (ebraico: ’ishsha) perché dall’uomo (ebraico: ’ish) è stata tolta". ".
Dopo tanta attesa l’uomo trova l’anima gemella ed esplode in un canto di ammirazione e di gioia. L’uomo riconosce nella donna la sua carne e il suo osso. L’osso e la carne indicano prima di tutto un legame di natura: l’uno si riconosce nell’altra. Per gli ebrei però questi termini avevano una grande importanza. L’osso indica tutto ciò che è interiore, la struttura profonda della persona, l’io più intimo e nascosto. La carne è quanto si vede esternamente, la bellezza, la manifestazione di quanto è nascosto all’interno.
Al v. 24 leggiamo: "Per questo l’uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola". La vera coppia si crea su questa misteriosa attrazione reciproca che renderà possibile lasciare il padre e la madre per formare una nuova unità. L’attrazione non si spiega, ma si giustifica dal fatto che hanno la stessa costola, la stessa carne, lo stesso osso.
Infine leggiamo il v. 25: "Ora tutti e due erano nudi, l’uomo e sua moglie, ma non ne provavano vergogna".
Nella Bibbia la nudità non indica mai soltanto la mancanza del vestito. La nudità dell’uomo indica la sua dipendenza, la sua povertà profonda. Nella coppia ognuno è povero perché ha bisogno dell’altro. Ma questa dipendenza è vissuta nell’amore e quindi non c’è vergogna perché ognuno veste con il suo sguardo pieno d’amore la povertà, le carenze dell’altro. Nella coppia si può guarire la vergogna della propria nudità e si può arrivare ad amare l’altro nella sua nudità, ad amare i suoi limiti.
Siamo di fronte a una visione originale e positiva della sessualità umana, e siamo invitati a farla nostra. La sessualità è un dono di Dio all’uomo, è una sua dimensione fondamentale ed è per questo che va vissuta nel modo più umano e più profondo possibile.
La sessualità è stata donata da Dio per creare comunione tra due persone, per creare la possibilità del vero incontro, per amare, per comunicare con il dono reciproco di tutto se stessi. Questo testo della Bibbia ci insegna che non è il sesso a suscitare l’amore e a dargli il suo vero significato, ma esattamente il contrario: è l’amore che dà significato e contenuto al sesso.

La vocazione della coppia.
E ora leggiamo alcuni versetti del capitolo 1 della Genesi. Questo testo è stato scritto molto tempo dopo il capitolo 2. "E Dio disse: "Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra". Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: "Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra, soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra". " (Gen 1, 26-28).
La creazione viene da Dio, dal suo amore e dalla sua fantasia. Il racconto della creazione si svolge in un susseguirsi di giorni, e nel sesto giorno è creato l’uomo: questo significa che quanto è avvenuto nei giorni precedenti tende verso la creazione dell’uomo, della coppia, della famiglia. Sarà l’uomo a raccogliere i cinque giorni (la creazione e la storia) e a portarli al settimo giorno, il giorno della celebrazione e dell’offerta.
Quindi l’uomo, la coppia sono creati per dare senso a tutta la creazione e non possono dissociarsi da essa. Abbiamo qui in poche parole la funzione della coppia.
L’uomo non è un dio decaduto, non è lo schiavo degli dèi. È fatto per dominare sul mondo, per servire la vita, per dare un futuro alla creazione, per costruire il mondo superando ogni ostacolo.
L’uomo è immagine di Dio perché è dinamico, perché può vincere il male, perché può costruire ed essere fecondo.
È il rappresentante di Dio sulla terra.
E ciò che più di ogni altra realtà sembra essere immagine di Dio è la coppia, perché capace di fecondità e di vita. La coppia è il segno più suggestivo del mistero di Dio e della vita.
Nel disegno stesso di Dio c’è prima di tutto la volontà di creare l’uomo. Il testo dice: lo creò. Ma l’uomo non esiste in forma asessuata, esiste solo come maschio e femmina. Le parole maschio (’ish) e femmina (’ishsha) hanno un valore quasi unicamente biologico.
La traduzione letterale di maschio è "il puntuto" e quella di femmina "colei che è perforata". Questo vuol dire che ad immagine di Dio non è né il maschio, né la femmina, ma l’uomo intero, la coppia. La coppia è capace di fecondità e questo la rende simile a Dio.
Le differenze biologiche hanno senso perché aiutano a costruire la nostra umanità e la nostra fecondità di vita. Quindi l’essere maschio e l’essere femmina è ciò che più ci aiuta a diventare uomo; e questo avviene in modo privilegiato nella coppia.
Nel piano divino della creazione è previsto che la realizzazione umana passi attraverso la realtà della coppia. È per questo che in seguito questa realtà è stata chiamata sacramento, cioè luogo di incontro con Dio, di cammino, di crescita, di trasfigurazione, di santità.
Nella coppia che ama, che crea, che trasforma, che vive, è presente Dio.
La più grande presenza reale di Dio nella creazione è nella coppia. In questo senso ogni coppia vive qualcosa che la supera. Vive per la vita, a servizio della vita, senza essere mai padrona della vita. Vive per creare nell’amore, per essere segno dell’amore eterno di Dio per gli uomini e per il mondo.

Alcune conclusioni.
a) La Parola ci lascia trasparire la sessualità come mistero. Per mistero non si intende ciò che non si capisce, ciò che è inspiegabile, ma ciò che non si può capire e spiegare completamente.
La sessualità è mistero perché è sempre inesauribile, perché non è mai posseduta, perché ha sempre bisogno di essere ulteriormente spiegata e compresa, perché è sempre una crescita, perché è sempre rivelazione.
Se l’essenziale nella sessualità e nella coppia è la comunicazione, per quanto una coppia viva l’amore, la confidenza e l’abbandono, ci saranno sempre molti sentimenti e molti atteggiamenti che resteranno un mistero e una sorpresa.
b) La Parola ci parla dell’incontro, dell’amore, della sessualità in modo realistico.
Qui non si parla dell’amore romantico. Non è un amore pieno di energia e di grande intensità emotiva, ma chiuso in se stesso. L’incontro, la coppia sono fatti per raggiungere l’altro così come è, nella sua ricchezza senza volerlo asservire e possedere.
L’amore vero tra uomo e donna è grande e concreto nella misura in cui l’uomo saprà prima di tutto diventare "fratello" della donna e viceversa.
Tra "fratello" e "sorella" sarà possibile incontrarsi, completarsi, imparando ad andare l’uno verso l’altro nella meraviglia reciproca e senza paura.
Allora l’amore e la coppia saranno fecondi e creativi, supereranno ogni difficoltà, saranno presenti nella storia e nella creazione secondo il progetto di Dio. Questa fraternità o amicizia è la base che rende possibile il vero amore di coppia.
c) Quando il testo afferma che l’uomo e la donna hanno la stessa costola, non vuol dire che uno deve annullare se stesso per fondersi nell’altro... Non c’è coppia quando uno viene assorbito dall’altro. C’è coppia quando si è diversi ma insieme, quando si è due e si arriva a costruire un’unità, anche se con fatica e sofferenza.
Un altro aspetto molto concreto che questi testi biblici ci fanno prendere in considerazione è il fatto di "lasciare il padre e la madre" (Gen 2,24). È necessario che questo avvenga realmente. Qualche volta tra un uomo e una donna si instaura una relazione che più che a un rapporto di coppia fa pensare al rapporto padre-figlia o madre-figlio. Si cerca nell’altro il padre o nell’altra la madre. In questi casi il rapporto dovrà ancora maturare e superare certe dipendenze. Il rapporto di coppia è maturo quando si è capaci di stare insieme senza prevaricare l’uno sull’altro.
d) La Parola ci fa riflettere sulla relatività del sesso. Il sesso non è per sé, è per l’altro. È dono di sé all’altro. È celebrazione della relazione e dell’amore. La vocazione del sesso e della sessualità è di creare la comunione tra le due persone. La Parola ci chiama alla scoperta dell’amore, di un amore di dono e di intimità. Mai come nell’intimità siamo noi stessi: nudi, poveri, dipendenti dall’altro, senza alcuna paura di lasciar vivere in noi e di manifestare all’altro i sentimenti più belli e i segreti più profondi.


2 - AMBIGUITÀ DELLA SESSUALITÀ

Nei primi due capitoli della Bibbia abbiamo cercato di scoprire il senso positivo, il dono della sessualità.
La parola di Dio è stata ricca di significato, piena di vita, di bellezza e di poesia. La sessualità è un dono di Dio per creare il mistero dell’incontro e della comunione tra le persone. La sessualità ci è stata data per imparare a crescere insieme, per scoprire l’altro e per guarirlo dalla sua solitudine e dalle sue ferite.
Ma dopo i primi due capitoli della Genesi c’è anche il terzo. In questo ci viene presentata la realtà del peccato che sconvolge profondamente la coppia, l’amore, la sessualità. Il capitolo terzo ci presenta, senza esitazioni, l’aspetto drammatico dei rapporti umani. E anche questo aspetto è vero e concreto. In noi agisce la vita, la poesia, la verità, ma è presente anche la morte, la paura, la falsità.
Siamo capaci di infinita dolcezza e della intimità più beatificante, ma siamo anche animati talvolta da conflittualità gravi nei confronti delle persone più vicine e amate.
La parola di Dio ci educa gradualmente affinché anche le nostre ambiguità più tenaci si risolvano positivamente.
L’ultima parola sarà sempre positiva e portatrice di vita. Se abbiamo un cuore umile, potremo cogliere, nonostante la nostra ambiguità, la sapienza di Dio nella creazione.
Scopriremo inoltre che accettando il Cristo come il Signore della nostra vita, non solo non perderemo nulla di positivo, di vitale e di dinamico, ma ne avremo un vantaggio enorme sotto tutti gli aspetti.
L’ambiguità nei nostri rapporti è cosa certa, ma è ancora più certo che potremo risolverla positivamente.
Nel nostro mondo ci troviamo di fronte a una concezione della libertà e delle relazioni sessuali che sentiamo profondamente falsa e disumanizzante. In molti c’è una rivendicazione illimitata del desiderio e del piacere.
Per alcuni questo atteggiamento è una forma di reazione all’educazione troppo rigida e negativa nei confronti del sesso e del piacere. Ma vediamo come la parola di Dio ci aiuta a trovare il giusto equilibrio ed a comprendere la negatività del peccato.
Il capitolo 3° della Genesi ci presenta una grande riflessione sulla condizione dell’uomo segnato dal peccato. La nudità, la paura, il desiderio spinto alla follia, il parto doloroso, la terra infeconda e dura, il lavoro pesante, la morte: tutti questi aspetti sono il male che tocca la creazione e l’uomo.
Tutti noi subiamo le conseguenze del male, del peccato e cerchiamo di risalire alle origini. In questa retrospettiva e in questa riflessione scopriamo che le origini e la causa del male non è in Dio ma nella libertà e nella volontà dell’uomo. L’uomo è spesso vittima delle sue ribellioni e delle sue malvagità.
Solo Dio può vincere l’iniquità che sorge nel cuore dell’uomo. Nei primi versetti del capitolo 3° entra in scena il serpente che personifica tutto ciò che è contro Dio: quelle potenze misteriose che corrompono l’uomo ma che non sfuggono a Dio perché anche il serpente è una creatura di Dio.
L’albero, del quale non si può mangiare il frutto, significa che la nostra libertà ha un limite, che non possiamo considerarci totalmente autonomi. L’uomo non può "conoscere il bene e il male" (v. 5), non può stabilire autonomamente ciò che è bene e ciò che è male. È creatura, è dipendente da Dio creatore.
Analizziamo brevemente alcuni versetti:
• v. 5: "Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male".
Il serpente ingenera turbamento nel cuore dell’uomo e lo rende scontento della dipendenza da Dio. Il suo pensiero è stato ripreso e ripetuto monotonamente da tanti uomini e da tante ideologie: "Se c’è Dio, c’è un tiranno, e l’uomo deve subire la legge, l’imposizione, l’obbedienza".
La proposta del serpente di conoscere il bene e il male è un invito ad essere autonomi da Dio e a decidere da soli il bene e il male.
Adamo ed Eva non sono tentati sulla sessualità. La loro tentazione è il desiderio folle di diventare come Dio, di oltrepassare i limiti della loro realtà umana. È qualcosa di molto profondo che tocca la loro stessa vocazione di uomini e che avrà conseguenze su tutti gli aspetti della loro vita e quindi anche sulla loro sessualità.
• v. 6: "Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza;prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò". Come sia possibile questa seduzione nel contesto della creazione che è buona, resta per noi un mistero. Notiamo che Eva qui non rappresenta la donna, ma l’immagine della libertà che non resiste al male, della fragilità, della instabilità e della debolezza dell’uomo maschio e femmina.
La radice di tutti i mali è il desiderio incontrollato dell’uomo che lo conduce ad abusare della sua libertà.
L’uomo vorrebbe avere potestà sul progetto stesso di Dio, sulla sorgente stessa della sua vocazione. Questo ci fa capire che il male non è nelle cose e quindi neppure nel sesso; il bene e il male sono nel cuore dell’uomo dove nasce e si afferma in modo giusto o sbagliato la libertà.
Per porre rimedio al male sarà indispensabile trovare l’orientamento giusto che ispiri le scelte secondo il progetto di Dio.
• v. 7: "Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture".
Invece di diventare come Dio, si trovarono nella totale nudità. Cercano di nascondere la propria miseria e i propri limiti perché sono avvilenti. Alla piena comunione nell’amore che vestiva la nudità di ognuno, subentra la solitudine e l’ostilità.
Le foglie di fico che coprono gli organi genitali sono un’immagine potente e significativa.
Gli organi sessuali sono visti come il mezzo particolarmente intenso per entrare in comunione con l’altro e il segno della dipendenza dall’altro: sono un segno di relazione.
Il peccato ferisce e corrode proprio la relazione, e le foglie di fico indicano il rifiuto di voler dipendere amorevolmente da Dio e dagli altri.
È così che la nudità dell’uomo (il suo bisogno degli altri) spesso non è più luogo di intimità e di guarigione, ma occasione di vergogna e di solitudine.
Nei versetti che seguono (11-13) sentiremo tutta la difficoltà e la sofferenza dell’incontro e della relazione e scopriremo una tragica realtà: l’altro può diventare un estraneo.
• v. 11-13: "Riprese: "Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?". Rispose l’uomo: "La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato". Il Signore disse alla donna: "Che hai fatto?". Rispose la donna: "Il serpente mi ha ingannata". ".
La coppia, che prima era stata solidale nel peccato, ora perde il senso dell’alleanza: i consorti non sono più consorti.
L’uomo sembra quasi accusare Dio di avergli dato la donna e la donna dà la colpa al serpente.
Nessuno di loro si assume le proprie responsabilità perché è preoccupato di salvare se stesso, la sua nudità, la sua incapacità di incontro e di amore: l’egoismo, il "si salvi chi può", "l’ognuno per sè", ha preso il posto dell’amore e della solidarietà.
• v. 16: "Alla donna disse: "Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai i figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà". ".
Il peccato ferisce la sessualità, il rapporto stesso di coppia. La donna desidera lo sposo e i figli, potrà anche sedurre l’uomo, ma la risposta dell’uomo sarà spesso dispotica, l’uomo tenterà spesso di essere il suo tiranno.
La Bibbia ci presenta in questo versetto due grandi spinte che sono proprie della persona umana; ma se esse non sono vissute nell’amore e nella verità diventano le due ferite più laceranti della coppia.
C’è il desiderio di fecondità e di vita di cui i figli sono il segno e il vanto. Ma essi sono partoriti nel dolore.
C’è la spinta della passione verso l’altro. Ma il tutto può rivelarsi in asservimento sessuale e sociale.
Non sono più una carne sola perché può accadere che, quando uno va verso l’altro nel bisogno, nella povertà e nella nudità più completa, l’altro approfitti per dominare. Questo dramma della coppia ha un senso?
Ha una risoluzione positiva?
È possibile essere coppia oltre i rapporti del potere e del valere?
Si può diventare coppia oltre la strumentalizzazione dei corpi e dei sentimenti?
È possibile l’amore vero tra un uomo e una donna?
In tutti questi intrerrogativi sentiamo tutto il peso del peccato che grava su di noi.
I rapporti sono veri e liberanti nella misura in cui, prima di tutto, c’è la coscienza del peccato.
Un’autentica coscienza del peccato ci rende vigilanti, ci dà il senso della nostra responsabilità, ci rende rispettosi e riflessivi e soprattutto ci spinge a chiedere a Dio una profonda liberazione: chi sa di aver bisogno di essere guarito nel suo modo di rapportarsi con gli altri, potrà vivere l’esperienza dell’amore con la speranza di un futuro più luminoso e fecondo.

* * *

La Scrittura ci presenta il dramma di tante coppie. La lettura di queste storie può aiutarci a maturare un giusto senso del peccato e a coglierlo in tutto il suo realismo.
Dal vivo di questi racconti impariamo a vedere le conseguenze buone e cattive che scaturiscono dall’impostazione buona o cattiva del problema della sessualità:
• Gen 39,7: La perfidia sottile e raffinata di una donna.
• Gdc 16,1-21: La fragilità di Sansone di fronte a Dalila.
• Gdc 19: Desolazione di fronte a certe violenze sessuali.
• 2Sam 11: L’adulterio di Davide che segnerà anche l’inizio dei drammi familiari.
• 2Sam 13: Amnon e Tamar. Il possesso senza limiti provoca morte e solitudine.
• Pr 7,6-23: Consigli del saggio allo sprovveduto perché eviti rapporti occasionali e superficiali.
Questi e tanti altri sono esempi dai quali emerge chiaramente il bisogno di una liberazione perché la sessualità sia vissuta andando oltre la soddisfazione di certi bisogni immediati.

Alla radice del male
Ogni persona sperimenta nella sua vita di coppia la gioia e l’ambiguità del piacere ed è spesso tentata da un desiderio di potenza anche nei rapporti più intimi.
Nella tradizione cristiana vediamo convivere insieme due tendenze:
• una afferma la bontà originaria e fondamentale della sessualità,
• l’altra non nasconde un certo sospetto per il piacere sessuale.
Per evitare di disprezzare o di esaltare ingenuamente certe realtà della nostra natura, cerchiamo di chiarire due punti: il piacere e il desiderio di potenza.

Il piacere
Quando parliamo del peccato in noi, che si esprime come concupiscenza, come desiderio che può portarci alla follia, non intendiamo parlare solo e sempre di qualcosa legato al sesso.
Per concupiscenza intendiamo quel desiderio che nel suo appagarsi riduce o elimina la nostra libertà profonda e che ostacola gravemente la nostra coscienza religiosa e il rapporto con Dio e col prossimo. È un male che può deformare l’uomo.
Se poi ci limitiamo all’aspetto sessuale, non è difficile trovare il punto debole. Il piacere è quel sentimento di pienezza e di gratitudine che accompagna un’attività dei nostri sensi.
Sperimentare la gioia del mangiare, del bere, del sesso, ecc... è un bene. Ma c’è sempre il rischio vero e oggettivo di cercare il godimento fino ad assolutizzarlo. Il piacere in questo modo diventa fine a se stesso, rinchiuso in se stesso, senza orizzonti. Se questo accade nell’ambito del sesso, la conseguenza è tremenda: l’altro è strumentalizzato, cosificato, negato come interlocutore, come persona. L’ambiguità del piacere sessuale può essere tanto grande quanto subdola. Quando l’altro è negato come persona, ridotto a strumento di piacere, a oggetto consumistico "usa e getta", nel rapporto non c’è più scambio di amore, di vita, di promesse gioiose per il futuro: il rapporto genera degradazione e morte. Il piacere ha senso quando resta un mezzo e non diventa fine a se stesso, quando accompagna un’attività senza distruggerla, quando con il corpo ci apriamo all’altro e lo riconosciamo come persona da amare, quando il piacere è mezzo per comunicare amore e vita.
Se il piacere si apre all’altro, diventa gioia, scoperta reciproca, stima smisurata e gratitudine reciproca.

Abbiamo preferito interrompere qui il testo per non appesantire troppo la pagina cliccando su continua potete scaricare il testo completo.

Continua...






Torna ai contenuti | Torna al menu