Trasfusioni di sangue catechesi Testimoni di Geova verità - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

In questa pagina trovate i video dal n.12 al n.15
Cliccate qui per visualizzare tutti i video su YouTube
, per visionare tutte le lezioni di don Minuti. Nella parte bassa della schermata YouTube troverete elencati tutti i video con le relative lezioni.

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.

Clicca qui
per scaricare l'intero testo in formato Word (vedi mappa sito)

La strage degli innocenti

Se mia figlia fosse morta, non avrei avuto alcun rimorso.
Queste parole sono di una testimone di Geova, che alla sua bambina di quattordici mesi aveva negato la
trasfusione del sangue. A suo dire, la Bibbia proibirebbe le trasfusioni.
Fortunatamente per la piccina, i medici chiesero e ottennero dal magistrato la facoltà a procedere, e la bambina
fu salva.
Commentò un cronista: “E’, mai possibile che in pieno secolo ventesimo si rifiuti ostinatamente la trasfusione
del sangue e si preferisca la morte di una creaturina innocente? E’, mai possibile che una donna legga la Bibbia e la
intenda a modo suo, e pretenda di metterla in pratica o piuttosto d'imporla con conseguenze mortali a danno di chi non
ha ancora l'uso di ragione e la facoltà di scelta”.
Fatti e commenti di questo genere non sono rari nella cronaca dei giornali in vari paesi del mondo. Vittime
innocenti sono quasi sempre bambini, ma anche adulti, specie donne, costrette da una pressione settaria a sacrificare
le loro vite o quelle delle loro creature. Una vera strage degli innocenti!

La trasfusione dei sangue come cura medica

La trasfusione del sangue come cura medica è una conquista della scienza moderna. E’ una terapia sicura ed
efficace, che ha al suo attivo la salvezza
di decine di milioni di vite umane. Nella maggior parte dei casi non vi è altro
rimedio. Senza la trasfusione un numero indefinito di creature umane - uomini e donne, padri e madri di famiglia,
persone utili alla società, impegnate nel bene comune, bambini e nascituri - sarebbero certamente morte.
L'uomo moderno - cristiano o non cristiano - è fermamente convinto che dare parte del proprio sangue a
beneficio di chi ne ha estremamente bisogno sia un atto di vero amore del prossimo e anche un dovere. In tempi di
emergenza come terremoti, infortuni, guerre ecc., ogni persona coscienziosa corre in aiuto dei sofferenti in pericolo di
vita ed offre il proprio sangue. E’, una gara di bontà umana e cristiana, che edifica e commuove i ben pensanti.
Unici tra gli esseri umani esistenti sulla terra, i testimoni di Geova (tdG) si oppongono alla cura medica delle
trasfusioni A loro avviso, è volontà di Geova - il loro dio - lasciar morire una persona, sia pure la propria bambina o la
madre o il padre, piuttosto che somministrare una sola goccia di sangue. Essi rifiutano la trasfusione per sé e per gli
altri, malgrado la garanzia di assoluto successo data dai medici e l'assoluta necessità da parte degli infermi.

Giustificazione che non giustifica.

Come giustificano i tdG questo loro rifiuto?

1 - Soprattutto per motivi religiosi. Essi pretendono di leggere nella Bibbia una formale proibizione delle trasfusioni del sangue. Hanno scritto: “La posizione assunta dai testimoni di Geova è soprattutto religiosa; è un atteggiamento che si basa su ciò che dice la Bibbia”.

2 - Tuttavia, contrariamente a questa loro dichiarazione, preferiscono attardarsi nel vano tentativo di convincere che la scienza medica sarebbe piuttosto contraria alla trasfusione del sangue e che le trasfusioni siano di per sé nocive. Dimenticano la loro professione di sacerdoti di Geova per esercitare quella di sacerdoti di Esculapio .
Sono valide le loro ragioni?

No, non lo sono!

In una Prima Parte di quest'opuscolo vedremo come la Bibbia non proibisce la cura medica delle trasfusioni del sangue. Semmai la giustifica! (1 Giovanni 3, .16) .
In una Seconda Parte sentiremo il parere dei medici in un settore di loro specifica competenza e prenderemo in esame i principali cavilli che i capi della setta geovista oggi come oggi (domani possono cambiare! ) ammanniscono ai loro creduli seguaci per indurli all'inutile strage.

PARTE  PRIMA
BIBBIA E SANGUE

Ciò che dice la Bibbia

In un numero considerevole di testi la Bibbia parla di proibizione divina dell'uso del sangue. Per comodità del lettore riportiamo alcuni di questi testi.

A) Antico Testamento
I.  - Genesi 9, 3-5: “Quanto si muove ed ha vita vi servirà di cibo:  vi dò tutto questo, come già le verdi erbe. Soltanto non mangerete la carne con la vita. Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, vi domanderò conto; ne domanderò conto ad ogni essere vivente e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello”.
2. - Nel libro del Levitico leggiamo: “E’ una prescrizione rituale perenne per le vostre generazioni in ogni dimora: non dovrete mangiare né grasso né sangue” (3, 17).

3. - “Non mangerete alcun grasso né di bue né di pecora né di capra... E non mangerete affatto sangue né di uccelli né di animali domestici, dovunque abitiate. Chiunque mangerà sangue di qualsiasi specie sarà eliminato dal suo popolo” (7, 23-27).

4. - “Ogni uomo (...) che mangi qualsiasi specie di sangue, contro di lui che ha mangiato il sangue io volgerò la mia faccia e lo éliminerò dal suo popolo. Poiché la vita della carne è nel sangue. Perciò vi ho concesso di porlo sull'altare in espiazione per le vostre colpe; poiché il sangue espia in quanto vita. Perciò ho detto agli Israeliti: Nessuno tra voi mangerà sangue, neppure lo straniero che soggiorna tra voi, mangerà sangue...” (17, 10-12).
5. - “lo sono il Signore vostro Dio. Non mangerete carne con il sangue. Non praticate alcuna sorta di divinazione o di magia. Non taglierete in tondo i capelli ai lati del capo... lo sono il Signore” (19, 25-28).

6. - Nel Deuteronomio sta scritto: “Ogni volta che sentirai desiderio, potrai uccidere animali e mangiarne la carne (...); ma non ne mangerete il sangue;  lo  spargerai  per  terra  come  acqua  (... ). Quanto alle cose che avrai consacrate o promesse in voto, le prenderai e andrai al luogo che il Signore avrà scelto e offriraí i tuoi olocaùsti la carne e il sangue, sull'altare del Signore tuo Dio; il sangue delle altre tue vittime dovrà essere sparso sull'altare del Signore tuo Dio e tu ne mangerai la carne” (12, 15-27).

7.   E in Ezechiele: “Così dice il Signore: Voi mangiate la carne col sangue, sollevate gli occhi ai vostri idoli, versate il sangue e vorreste avere in possesso il paese?” (33, 25).

B) Nuovo Testamento
Anche nei libri del Nuovo Testamento ricorrono testi analoghi. Per esempio, nel libro degli Atti leggiamo:
I.   “Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi, di non imporvi nessun altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenervi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dall'impudicizia” (15, 28-29; cf. 21, 25).
2.   In Apocatisse 2, 14  l'angelo della chiesa di Pergamo è rimproverato perché “ha alcuni che tengono la dottrina di Balaam, il quale insegnava a Balac a gettare scandalo davanti ai figli d'Israele, inducendoli a mangiare carni sacrificate agli idoli e a fornicare”.

Alcune norme per capire la Bibbia

Prima di spiegare i testi biblici riguardanti l'uso del sangue giova ricordare alcune norme indispensabili per leggere correttamente la Bibbia e coglierne il vero significato. Questo non vuol dire affatto migliorare la Parola di Dio, come ignorantemente ha osservato' un testimone di Geova. Signífica solo accostarsi al Sacro Libro con serietà e rispetto, non con superficialità e spirito settario, come fanno i tdG.
I. - La Bibbia è stata scritta millenni prima di noi. Gli uomini che l'hanno scritta - nel rivelare la volontà di Dio - si sono dovuti esprimere nel modo adatto alla gente del loro tempo. Essi scrivevano per gli uomini di ogni epoca, è vero. Ma è naturale che la forma concreta e letteraria dei loro scritti non poteva essere quella di altri tempi, anzi di ogni tempo. Doveva essere necessariamente quella legata al loro tempo.

2. - Per spiegare correttamente il Libro Sacro è perciò indispensabile conoscere la forza delle parole e delle immagini, di cui si sono serviti gli autori ispirati. Ogni lingua ha le parole adatte e ogni popolo ha le sue immagini per esprimere meglio ciò che pensa.
3. - Non è perciò possibile cogliere l'insegnamento della Bibbia se ci fermiamo alla lettera del Sacro Testo. La lettera uccide (2 Corinzi 3, 6). Nel caso che qui c'interessa, uccide non solo il vero significato della Parola di Dio, ma uccide realmente, causando la morte di quelle persone alle quali - per ignoranza - vien negata la trasfusione del sangue, basandosi erroneamente su ciò che la Bibbia non dice.
4. - Non bisogna inoltre dimenticare che la Bibbia si capisce e si spiega con la Bibbia. In altre parole, non si possono staccare dal contesto testi e parole, darne una spiegazione arbitraria. Con tale me si può far dire alla Bibbia ciò che si vuole, non, ciò che Dio ha voluto.
Purtroppo questo è il peccato abituale dei testimoni di Geova. Essi staccano dal contesto testi e parole, e li spiegano come a loro piace. E’ un metodo antiscientifico e ingannevole. Bisogna abbandonarlo per conoscere la verità.

I - Sangue come simbolo della vita

Testimonianze bibliche

Tenendo presenti queste norme, noi possiamo arrivare a sapere perché nella Bibbia è proibito l'uso del sangue. La prima conclusione cui si arriva, al di là d'ogni possibile dubbio, è perché presso gli antichi Ebrei il sangue era simbolo della vita. Dire sangue era lo stesso che dire vita. In altri termini, l'immagine del sangue suscitava in chi leggeva o ascoltava l'idea della vita.
Ciò è comprensibile. L'esperienza diretta diceva loro che senza sangue è impossibile vivere. La perdita totale o di una grande quantità di sangue significava la perdita della vita. Dunque nel sangue risiede la vita. Sangue equivale a vita. Questa era la mentalità degli antichi Ebrei.
Come prova basta citare e analizzare brevemente alcuni testi biblici.

a) In Genesi 4, 10 Dio dice a Caino: “Che hai fatto? Sento il sangue di tuo fratello gridare a me dalla terra!”. E’, lo stesso che dire: la vita dell'ucciso è presente nel suo sangue sparso sulla terra. Da lì egli chiede giustizia. Il sangue di Abele era la sua vita parlante dalla terra.

b) Dopo il diluvio Dio permette a Noè di cibarsi di carne, ma non di sangue. “Soltanto non mangerete la carne con la sua vita, cioè il sangue. Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, io domanderò conto” (Genesi 9, 4-5). Perché il divieto divino di non mangiar carne con il sangue? Perché, secondo la mentalità del tempo, mangiare il sangue equivaleva a mangiare, ossia a distruggere la vita. Tra sangue e vita vi è equivalenza.
c) Nel Levitico si legge: “Poiché la vita della carne è nel sangue (17, 11-14). E nel Deuteronomio. “Però sii forte, non mangiare il sangue perché il sangue è la vita e con la carne tu non devi mangiate la vita” (12, 23).
Non vi può essere dubbio alcuno: secondo la mentalità degli antichi Istraeliti - sia di chi scriveva sia di chi leggeva - sangue equivaleva a vita.

Il sangue nei sacrifici

Una chiara conferma dell'equivalenza tra sangue e vita nello stile biblico si ha in quei testi della Bibbia dove si parla di sacrifici

a) Come quasi tutti i popoli dell'antichità, anche gli Ebrei facevano largo uso di sacrifici con spargimento di sangue (Esodo 24, 8; Deuteronomio 12, 26-27). I popoli pagani - come i cananei, i fenici ed altri - immolavano anche vittime umane. Agli Israeliti tali aberrazioni erano severamente proibite (Levitico 18, 21; Deuteronomio 12, 29-31). Dio comunque aveva concesso agli Ebrei di sacrificargli animali (Levitico cc. 1 6 e 1 7).
L'offerta o sacrificio veniva fatta per differenti scopi. Uno di questi era l'espiazione della colpa e la conseguente purificazione del peccatore. Ricordando questi riti sacrificali antichi l'autore della Lettera agli Ebrei scriveva: “E quasi tutto viene purificato col sangue, secondo la Legge; e senza spargimento di sangue non si dà remissione” (9, 22).

b)
Ci domandiamo: perché e in che modo il sacrificio degli animali aveva una virtù espiatoria e purificatrice?
Perché rappresentava e sostituiva l'offerta della vita umana. Infatti il dono migliore che l'uomo possa fare a Dio per espiare la colpa e ottenerne il perdono sarebbe l'offerta della propria vita. Ma Dio non vuole che gli siano immolate vite umane. Solo in Gesù Cristo - l'Agnello di Dio - Jahve ha permesso il sacrificio umano in espiazione del peccato del mondo (Giovanni 1, 29; Romani 8, 32 ecc.). In attesa e in figura del sacrificio di Cristo, Dio accetta l'immolazione degli ani- mali, in sostituzione della vita umana.
In che modo o piuttosto a quale condizione?
L'offerente deve riservare a Dio il sangue della vittima. Può mangiare le carni, ma non il sangue. “Il sangue delle vittime dovrà essere sparso sull'altare del Signore” (Deuteronomio 12, 26-27).
Perché questa riserva?
“Poiché la vita della carne è nel sangue. Perciò vi ho concesso di porlo sull'altare in espiazione per le vostre vite; perché il sangue espia, in quanto è la vita. Perciò ho detto agli Israeliti: Nessuno tra voi mangerà carne...” (Levitico 17, 11-12).

L'equivalenza è chiaramente affermata. Dio vuole riservato a sé il sangue perché il sangue espia in quanto è vita. E accetta il sangue degli animali in sostituzione della vita del peccatore.
Questa era la mentalità dell'uomo biblico e il suo modo di esprimersi.

Carattere sacro dei sangue - vita

Alla luce di queste spiegazioni appare chiaro come per gli antichi Ebrei il sangue avesse un carattere sacro. Appunto perché sinonimo o equivalente di vita umana, il sangue era considerato come qualcosa di sacro. La vita è sacra. Dunque anche il sangue in quanto vita, è sacro. Esso come la vita è intangibile da parte dell'uomo.
Dio è la fonte della vita (Salmo 36, 10). Egli la dà ed egli la toglie. E ne è pure il custode geloso: “Del sangue vostro, ossia della vostra vita, io domanderò conto (Genesi 9, 5)”. La vita è un diritto inalienabile di Dio. Egli punirà severamente chiunque osa invadere questo sacro terreno: “Chi sparge il sangue dell'uomo, dall'uomo il suo sangue sarà sparso” (Genesi 9, 6).

Non vi è nessun altro libro in cui sia inculcato con maggior forza il rispetto per la vita umana come nella Bibbia. Gli scrittori sacri, sotto la guida dello Spirito Santo, sono stati quanto mai espliciti e chiari nell'inculcare questa volontà divina.

Non uccidere!

Come esprimere in modo adatto, incisivo questa volontà di Dio?
Mediante il linguaggio proprio del tempo, con le immagini abituali del popolo, a cui bisognava inculcare il comando di Dio. Possiamo anche dire: secondo la cultura del tempo.
Il sangue è simbolo della vita. Dio esige dall'uomo il massimo rispetto per la vita. Dunque l'uomo deve astenersi dall'uso del sangue. Usarne è come abusare della vita. Dio non vuole questo. Perciò non vuole l'uso del sangue, di qualsiasi sangue.

Quando dunque la Bibbia dice: “Non mangiare il sangue! Riserva a Dio il sangue!” è come se dicesse: “Rispetta la vita; solo Dio è padrone della vita!”. Questo modo di esprimersi è più concreto, più chiaro, più efficace della formulazione giuridica.

Anche questa c'è nella Bibbia: Non uccidere! (Esodo 20,13; Deuteronomio 5,17; Matteo 5,21). Ma affinché sia meglio capita e osservata nella vita d'ogni giorno lo scrittore sacro la rende più concreta con l'espressione: Non fare uso del sangue! Il significato non cambia. Le due espressioni si equivalgono.
Nessuno può perciò avere dubbi sul vero significato delle proibizioni bibliche contro l'uso del sangue. Esse equivalgono sostanzialmente al comando divino: Non uccidere!  

Continua...

Torna ai contenuti | Torna al menu