Verso L'assoluto opere di San Giovanni della Croce - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.
Quando cliccate sul pulsante avrete l'impressione che non stia succedendo nulla, o che il download sia bloccato, è normale, basta attendere 30-40 secondi lo studio verrà regolarmente visualizzato.

Scarica il Testo completo.

SAN GIOVANNI DELLA CROCE - VERSO L'ASSOLUTO

PROFILO BIOGRAFICO
Prima di entrare nel vivo della dottrina di S. Giovanni della Croce, è necessario presentare un breve profilo biografico, da cui si staglierà più nitida la figura del santo Dottore in ordine a ciò che ha scritto. Giovanni, dunque, nasce in un paesino della Spagna, vicino ad Avila. Dopo una fanciullezza e un'adolescenza vissute nella povertà e provate dalla mancanza prematura del padre, a vent'anni possiede già una maturità d'eccezione. La sofferenza, se ben accettata, fa presto a far crescere una persona e a darle chiarezza di idee e forti convinzioni. Entra al Carmelo. Ha una natura eminentemente contemplativa. Ama la solitudine, ma non è un misantropo. Ama il raccoglimento, ma non è un bigotto. Ama lo studio, ma non è un orgoglioso. Quattro anni all'Università di Salamanca gli fanno capire ancora meglio le esigenze radicali del silenzio, dell'ascesi, della santità che nutre nell'anima. Salamanca, "la principessa delle scienze", è una città universitaria mondana e turbolenta. Ma Giovanni non ne resta vittima. Ha già ricevuto la grande lezione dalla vita. Egli non si adatterà mai a un genere di vita borghese.

Dopo gli studi è ordinato sacerdote. Ma il Carmelo del suo tempo non lo soddisfa. Ha bisogno di una vita più rigida, più autentica, più conforme ai suoi ideali di preghiera, di povertà, di contemplazione. Decide per la Certosa. In questo momento critico incontra Teresa di Gesù, la Riformatrice del Carmelo femminile. L'incontro è decisivo per tutt'e due. Si stabilisce un'intesa perfetta: gli stessi ideali, gli stessi progetti di perfezione. Che bisogno c'è di cambiare Ordine se il medesimo può dare l'ambiente adatto ad ogni esigenza di radicalità, solo che si riporti alle sue origini? In sostanza questa è la proposta di Teresa e questo è il disegno già realizzato in parte nei suoi monasteri di monache. Giovanni ne è conquistato. Seguirà questa monaca meravigliosa.

Cambierà l'abito nel ruvido saio, cambia il cognome di "S. Mattia" in quello "della Croce". "Gli impulsi dello Spirito Santo
non vanno mai lenti", ha scritto S. Ambrogio. Con Giovanni, Teresa dà inizio anche alla Riforma del Carmelo maschile. Fin qui tutto bene. Ma chi decide per Iddio ha finito di condurre una vita liscia. Deve sapere che si mette nei guai. La santità si osteggia; l'anticonformista si guarda con sospetto; chi è chiamato a fare da guida deve essere un testimone.       

Abbiamo preferito interrompere qui il testo, per non appesantire troppo la pagina, cliccate su continua o su scarica il testo completo.

Continua
...


Rigraziamo fra Paolo Goffredo e il fratello Antonino Di Natale di Furnari (ME)  per averci inviato questo studio.






Torna ai contenuti | Torna al menu