Risurrezione - Testimoni Geova non ci credono - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

In questa pagina trovate i video dal n.12 al n.15
Cliccate qui per visualizzare tutti i video su YouTube
, per visionare tutte le lezioni di don Minuti. Nella parte bassa della schermata YouTube troverete elencati tutti i video con le relative lezioni.

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.

Clicca qui
per scaricare l'intero testo

LA RISURREZIONE

La Bibbia conosce due tipi o forme di risurrezione,: una spirituale, detta anche prima risurrezione, e l'altra corporea o della
carne. Parleremo prima della risurrezione spirituale, di cui scrive specialmente Giovanni nel vangelo e nell'Apocalisse. Ma
ne parla anche san Paolo.
LA RISURREZIONE SPIRITUALE

Giovanni 5, 24-27
Giovanni, il discepolo che Gesù amava (cfr. Giovanni 13,23), ci ha conservato le belle parole del Maestro:
< In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro
al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. In verità, in verità vi dico: è venuto il momento ed è questo, in cui i morti udranno la
voce del Figlio di Dio, e quelli che l'avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al
Figlio di avere la vita in se stesso; e gli ha dato il potere di giudicare, perché è il Figlio dell'uomo” (Giovanni 5, 24-27, cfr. 3,15-16).
Spiegazione:
a) Gesù parla di un passaggio dalla morte alla vita. Il discorso è rivolto a persone, che possono ascoltare la sua parola e
prendere una decisione. Non è possibile perciò che si tratti di gente morta corporalmente. Si tratta di persone ancora vive, su
questa terra, a cui è offerto un passaggio da una stato di morte a uno stato di vita. Questo passaggio avviene ora, al momento
dell'ascolto e dell'accettazione della voce del Figlio di Dio. Gesù dunque afferma l'esistenza d'una risurrezione già in questa vita.
b) Questo passaggio conduce l'uomo dalla “morte” alla “vita”. Poiché - ripetiamo - le persone a cui è rivolto l'invito sono
ancora fisicamente vive, la nuova vita che è offerta, deve essere diversa da quella fisica. Deve trattarsi d'una vita spirituale o
soprannaturale, che fa risorgere da una morte pure spirituale. La vita, offerta qui da Gesù, consiste nel passaggio da uno stato di
peccato, chiamato “morte”, a uno stato di amicizia con Dio, chiamato “vita”. Questa è la natura della prima risurrezione.
c) Verrà poi un altro momento, un'altra ora, in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la voce dello stesso Figlio di
Dio e ne usciranno (cfr. Giovanni 5, 28). Ma si tratta evidentemente di un ,altro tipo o forma di risurrezione, proiettata nel futuro. E'
quella corporea o della carne.
di Salvatore Incardona Google Plus

Continua...

Torna ai contenuti | Torna al menu