Remo Girone Testimonianza cristiana guarigione - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Remo Girone Testimonianza cristiana guarigione

Remo Girone: “E' nella preghiera che trovo tanta consolazione”
“Ho avuto il cancro, ho lottato, ho chiesto aiuto al Signore e ora sono guarito”

Remo Girone è sicuramente uno degli artisti più completi e poliedrici nel panorama dello spettacolo italiano. Nel corso della sua carriera ha infatti vestito i panni di personaggi diversissimi tra loro: dal mafioso Tano Cariddi della fortunata serie televisiva La piovra alla figura ieratica di Papa Pacelli nella fiction Suor Pascalina.

“Vent'anni fa mi fu diagnosticata una brutta malattia che lasciava limitate possibilità di guarigione – ha raccontato Remo Girone in una intervista A Sua Immagine (2 agosto) –. Pochi minuti prima di essere sottoposto all'intervento chirurgico che mi avrebbe guarito iniziai a pregare: l'Ave Maria, il Padre Nostro e poi un'orazione della mia infanzia, la 'preghiera del cuore' che dice 'Signore Gesù Cristo, figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore'”.

“Ebbene, da quel momento nella preghiera trovo tanta consolazione – ha aggiunto –. Negli ultimi anni, poi, non mi rivolgo al Signore solo quando sono in difficoltà, ma anche per ringraziarlo delle cose belle che mi dona ogni giorno, a iniziare dalle più semplici come, per esempio, una bella giornata d'estate. Piccole cose che prima davo sempre per scontate ma che in realtà danno il vero senso alla nostra esistenza”.


“La mia educazione è stata religiosa – ha continuato l'attore –. In Eritrea, dove sono nato, ho frequentato scuole e istituti cattolici, ma posso dire con certezza che fu nel momento della malattia, della prova, che mi venne una gran voglia di pregare. La sofferenza diede una prospettiva diversa alla mia vita. Ad esempio, di fronte a qualcosa che non va come avrei sperato reagisco con più distacco. Continuo a nutrire il dubbio, che credo sia parte integrante della fede ma nonostante ciò mi abbandono a una presenza superiore”.

dal sito Aleteia

Torna ai contenuti | Torna al menu