Latter Rain Movement gruppo cristiano eretico - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

LATTER RAIN MOVEMENT – FULL GOSPEL
Il libro di Gioele nella Bibbia non ha offerto soltanto alla corrente pentecostale uno dei brani che ama citare come profezia del suo sorgere - "... effonderò il mio spirito sopra ogni uomo e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani faranno sogni, i vostri giovani avranno visioni" (Gioele 3, 1) -, ma anche la distinzione fra una prima pioggia "d'autunno" e una seconda pioggia "di primavera" (Gioele 2, 23) che molti pentecostali hanno interpretato in modo simbolico con riferimento alla prima Pentecoste degli apostoli e alla seconda Pentecoste costituita dalla corrente pentecostale-carismatica nel suo insieme. Secondo alcuni, la seconda "pioggia" avrebbe dovuto precedere immediatamente gli eventi apocalittici dei tempi ultimi, e diffondersi tramite l'imposizione delle mani, cui era attribuito un ruolo decisivo perché i fedeli potessero ricevere i doni dello Spirito Santo (anziché attendere la loro manifestazione spontanea).
Queste idee erano sicuramente correnti nei primi anni del pentecostalismo e ad Azusa Street, ma l'istituzionalizzazione della prima ondata pentecostale aveva tolto importanza sia alla pratica dell'imposizione delle mani sia all'attesa di un'imminente fine del mondo. Il Latter Rain Movement ("Movimento della seconda pioggia") nasce con i fenomeni carismatici delle Sharon Orphanage and Schools a North Battleford nella provincia del Saskatchewan, in Canada, nel 1948 come fenomeno di protesta e di ritorno alle origini del pentecostalismo. Come oggi è riconosciuto, questi fenomeni - e il diffondersi del Latter Rain Movement - hanno come premessa un'ampia circolazione degli stessi temi nella predicazione dei guaritori indipendenti. Le origini del Latter Rain Movement in Canada si situano all'interno di una congregazione della International Church of the Foursquare Gospel
, ma la diffusione è pressoché immediata in numerose congregazioni delle Assemblee di Dio e di altre denominazioni della prima ondata pentecostale.
A poco a poco i leader del movimento cominciano a sostenere che il Latter Rain Movement, con i suoi fenomeni, costituisce la terza fase della storia della cristianità dopo il cristianesimo tradizionale e il pentecostalismo (la "terza festa" biblica, la Festa dei Tabernacoli, dopo la Pasqua e la Pentecoste) e la preparazione della fine del mondo. I doni di profezia e i fenomeni carismatici in alcune congregazioni dominate dal Latter Rain Movement giungono a tali estremi da provocare una reazione nelle denominazioni della prima ondata pentecostale. Intorno al 1950 le maggiori denominazioni pentecostali iniziano a espellere i pastori e i fedeli coinvolti nel movimento. Altre denominazioni pentecostali della prima ondata - in genere piccole - accettano il messaggio del Latter Rain Movement e, di conseguenza, vedono rapidamente accrescere il numero dei propri fedeli, ovvero si inseriscono in una più complessa corrente denominata Full Gospel ("Pieno Vangelo"), che ingloba il Latter Rain e che chiede al mondo pentecostale di proclamare nuovamente "tutto" il Vangelo, compresa la liberazione dai demoni, le profezie e le guarigioni. È il caso delle Chiese Elim.
Altri gruppi del Latter Rain Movement - mantenendo una delle dottrine dei primi anni del movimento, secondo cui nei tempi ultimi l'organizzazione non deve superare la scala locale - hanno compiuto un processo di istituzionalizzazione mantenendo tuttavia il rapporto con una singola chiesa o cappella. È il caso del Bethesda Missionary Temple (ora
Bethesda Christian Church) di Detroit. Gli storici del Latter Rain Movement concordano tuttavia sul fatto che l'importanza del movimento è consistita soprattutto nell'influenzare su molti punti il successivo rinnovamento carismatico, i cui promotori iniziali erano spesso frequentatori delle comunità locali che avevano aderito alla corrente Latter Rain. Il predicatore americano di origine svedese Joseph D. Mattsson-Boze (1905-1988) - uno dei più attivi diffusori del Latter Rain Movement - ha anche un ruolo decisivo nelle origini del movimento carismatico. La rivista Herald of Faith / Harvest Time, di cui è condirettore e che diffonde le idee del Latter Rain Movement, si trasforma più tardi nel Logos Journal, una delle voci più importanti del movimento carismatico.

fonte: Enciclopedia delle religioni




Torna ai contenuti | Torna al menu