Il sacramento della Confessione - Confronto con i Testimoni di Geova - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

I testi che trovate nelle varie pagine, rappresentano solo una minima parte dell'intero e relativo studio, per leggerli tutti è consigliabile scaricarli gratuitamente sul proprio computer, cliccando sull'apposito pulsante.

Clicca qui
per scaricare l'intero testo in formato Word

Nozione di Confessione
1 - Per Confessione, nel linguaggio cattolico, si intende comunemente l'accusa dei propri peccati fatta al
sacerdote per averne l'assoluzione, cioè il perdono da parte di Dio. In modo più appropriato è detta Sacramento della
Penitenza. La confessione, strettamente parlando, è solo parte o componente del Sacramento della Penitenza, è cioè
la manifestazione o accusa dei propri peccati al confessore.
Nel Sacramento della Penitenza bisogna valorizzare  anche la dimensione della Riconciliazione, che ne è un
effetto o conseguenza nel senso che “quelli che si accostano al Sacramento della Penitenza ricevono dalla misericordia
di Dio il perdono delle offese fatte a Lui e insieme si riconciliano con la Chiesa, alla quale hanno inflitto una ferita col
peccato e che coopera alla loro conversione con la carità, l'esempio e la preghiera”.
Anche per questo il sacramento' della confessione si può chiamare pure Sacramento della Riconciliazione.
Dalla Confessione sacramentale o Sacramento della Penitenza
va distinta la confessione della fede. Questa
consiste nella professione o dichiarazione pubblica della propria fede, cioè nella manifestazione pubblica di ciò che uno
crede. E’ bene tener presente questa distinzione per evitare confusioni ed equivoci, cosa che piace ai testimoni di
Geova (tdG).
2 - Qui noi trattiamo soprattutto, se non unicamente, della Confessione sacramentale o Sacramento della
Penitenza. E prima di ogni altra cosa vogliamo accertarci se il sacerdote cattolico ha il potere di rimettere i peccati
davanti a Dio.
E’ chiaro che noi cerchiamo la risposta nella Bibbia, cioè nella Parola di Dio. Ma aggiungiamo subito che qui
per Bibbia intendiamo soprattutto l'insegnamento di Gesù, il Figlio di Dio, che è Sapienza e Potenza divina (cf. Giovanni
1, 1.14-18; 1 Corinzi 1, 24). Dice infatti la Bibbia:
“Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti,
ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio” (Ebrei 1, 1-2).

Continua...

Torna ai contenuti | Torna al menu