Il Terzo Protestantesimo - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il terzo protestantesimo nasce da una insoddisfazione nei confronti del primo e del secondo e da una ricerca di un ideale di perfezione, nell'interpretazione ferma e sicura della Bibbia (nelle "Chiese libere") o nella santità (con il movimento holiness).
Nel secondo protestantesimo l'esperienza fondamentale - che si aggiunge a quella della giustificazione - è costituita dall'incontro personale con Gesù Cristo, che nel movimento metodista diventa la "santificazione". Per il fondatore del metodismo, John Wesley (1703-1791), la santificazione è piuttosto un processo, che si completa soltanto alla fine della vita. Ma, già qualche anno dopo la morte di Wesley, nel movimento metodista diventerà popolare l'idea della santificazione come "secondo lavoro della grazia" - seconda esperienza successiva e parallela rispetto alla giustificazione - che può essere sperimentato in un momento preciso della vita del fedele. Elaborando ulteriormente la tesi della santificazione istantanea il terzo protestantesimo introdurrà un nuovo concetto, quello di "nuova nascita", che per alcuni diventa "perfezione" come esperienza radicale che costituisce il fedele, già giustificato per fede e santificato, in uno stato di libertà dal peccato che non potrà più essere perduto. La "perfezione" come esperienza di santità e libertà è caratteristica del movimento holiness, mentre l'altra ala, di origine più antica, del terzo protestantesimo - quella delle Chiese libere - insiste piuttosto sull'interpretazione esatta, letterale e certissima, della Bibbia.






Torna ai contenuti | Torna al menu