Il Made in Italy fatto in Cina - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dialogo tra un italiano qualunque e il Made in Italy:

Italiano qualunque: "Chi è lei con la fascia tricolore sul petto, un irredentista, un patriota, un sindaco, un nipote di Totò Cutugno?"

Made in Italy: "Non mi ha riconosciuto? Lei deve avere prosciutto doc importato sugli occhi. Io sono il Made in Italy"

Italiano qualunque: "Lei ha gli occhi a mandorla, ha preso forse la cittadinanza italiana?"

Made in Italy: "No, io sono italiano da generazioni, sono un prodotto autoctono, non vede che sulla scatola ho la bandierina con i colori rosso, bianco e verde e il brand "Made in Italy" che ci ha resi famosi nel mondo?"

Italiano qualunque: "Lei è appena sceso da una nave cargo. Lei è un prodotto clandestino!"

Made in Italy: "Io sono stato concepito in Italia da un disegnatore, allevato con finanza italiana purosangue a Shangai e ora, nel pieno degli anni, ritorno a casa. Sono come il figliol prodigo e lei mi tratta così ..."

Italiano qualunque: "Ma io la riconosco ora, lei è quel prodotto che vedevo da bambino a Carosello con le immagini delle fabbriche e gli operai italiani che sorridevano".

Made in Italy: "(con fare orgoglioso) Si, sono sempre io. E' la forza della tradizione, che fa mi compra?"

Italiano qualunque: "Ma gli operai, la fabbrica, dove sono? Trasferiti in Cina?"

Made in Italy: "No, purtroppo sono stati licenziati, la fabbrica è stata riaperta, però a Shangai. Sa, il costo del lavoro, le adempienze ambientali, la tassazione, la burocrazia, i sindacati. Per un prodotto laggiù è tutta un'altra vita".

Italiano qualunque: "Guardi, mi ha quasi convinto, la compro. Lei deve essere molto conveniente, costerà almeno la metà"

Made in Italy: "No, il mio prezzo è rimasto quello. Per chi mi ha preso? Io sono un prodotto di qualità."

Italiano qualunque: "Non se la prenda, ma che senso ha spostarsi armi e bagagli per mantenere lo stesso prezzo?"

Made in Italy: "Il prezzo resta uguale, ma il profitto aumenta, è la legge del capitale italiano che va dove ci sono meno diritti e quindi meno costi del lavoro. Guardi lei mi è simpatico, le faccio uno sconto del 5% se mi porta a casa sua"

Italiano qualunque: "Non ci penso neppure. Si tolga quel Made in Italy dalla faccia, lei è un infiltrato, figlio di capitalisti rinnegati che creano disoccupazione e di chi lo permette. La prossima volta che la trovo in giro le applico un dazio del 50%."

By Beppe Grillo!

E fu così' che i capitalisti AFFAMARONO L'OCCIDENTE, i nuovi feudatari, industriali, e proprietari di Centri Commerciali,
che ridurranno TUTTO l'occidente alla fame, per poi poterlo ricattare meglio,

o ti accontenti della paga da cinese, oppure muori di fame!

Ecco il vero disegno capitalista!

Pochi ricchi che globalizzano tutto, e tanti morti di fame che non potranno più sognare...se non il solo pezzo di pane, senza poter comprare nè casa, nè nessun altro bene simile.

Schiavi occidentali! Questo è l'obiettivo,

Giovani assunti a contratto precario, senza la speranza di poter comprare casa, perchè nessuna banca concede mutui ai precari, che possono perdere il lavoro da un momento all'altro!

150 anni fa una intera giornata di lavoro di un contadino, gli permetteva di poter comprare solo un chilo di pane, mezzo se lo portava lui al lavoro, e con l'altra metà ci doveva mangiare il resto della famiglia.

Il contadino non aveva sogni e progetti per il suo futuro,

solo il pezzo di pane,

proprio come i giovani d'oggi.

Torna ai contenuti | Torna al menu