Evoluzionismo Darwin - I fossili le prove mancanti - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

video l'uomo discende dalla Scimmia? L'uomo è un animale?

Fossile, perché non parli?    
Scritto da Marco RESPINTI    

I fossili ritrovati sono pochi. Però appartengono tutti ad individui di specie fatte e finite. Perché non ci sono resti di specie intermedie. Un problema serio per le ipotesi evoluzionistiche  
Parlare di evoluzione e di darwinismo porta immediatamente a pensare a resti fossili e a cose così.  Per fossile s’intende una qualsiasi testimonianza di vita geologicamente passata, precedente cioè l’epoca attuale. Il processo con cui un organismo vivente si fossilizza può durare anche milioni di anni. Non è un atto istantaneo. Motivo per cui possono entrare in gioco mille agenti diversi e mille fattori imponderabili, ma anche mille alterazioni. Peraltro, si tratta di un processo estremamente improbabile, ossia che si verifica una volta su un numero descrivibile in cifre da capogiro. Quando animali e piante muoiono, ne comincia la decomposizione.  Le parti molli, soggette alla predazione da parte di altri animali e agli agenti atmosferici, praticamente scompaiono. Restano le parti più solide, quelle ossee, magari qualcosa di cartilagineo, forse gusci cheratinosi, ma occorre che il processo, per lento che sia nel suo sviluppo complessivo, inizi subito, prima che abbiano luogo alterazioni decisive. La fossilizzazione avviene di solito nei sedimenti di sabbia o di fango. Motivo per cui è forse più comune ritrovare fossili di specie legate alla vita nell’acqua che altro, soprattutto se l’altro è un ambiente secco e asciutto o roccioso che conosce pochi ambienti melmosi, paludosi o fondali marini, lacustri e fluviali.   


I fossili non parlano  

Ora, i fautori dell’evoluzionismo usano suffragare la propria ipotesi sull’origine e lo sviluppo della vita sulla Terra invocando i fossili, i resti organici di un “mondo perduto” che conserverebbero intatte le testimonianze schiaccianti del lento e faticoso processo di speciazione.  Ma non è affatto così. I fossili non parlano. I fossili soprattutto non ci dicono quel che vorremmo, meglio, che gli evoluzionisti vorrebbero sentirsi dire. L’affermazione è empiricamente dimostrabile, ma soprattutto viene pronunciata e ribadita da un teste insospettabile, il paleontologo statunitense Stephen Jay Gould (1941-2002), evoluzionista convinto e irriducibile, pure di simpatie culturali marxisteggianti, il quale ha lungamente quanto inascoltatamente ammonito la comunità dei suoi colleghi darwinisti a smettere di basare le proprie indimostrate ma perentorie supposizioni sui reperti fossili, giacché quelli, a questo scopo, risultano letteralmente inservibili. Anzi, sono persino un boomerang: poiché semmai testimoniano l’esatto contrario del credo darwinista.  

Ci vuole prudenza  
Prima di tutto, i fossili sono relativamente pochi, anzi pochissimi. In natura, infatti, le condizioni per la loro formazione e per la loro conservazione sono, come detto, complesse e delicate, tanto che non è affatto azzardato dire che quanto abbiamo rinvenuto oggi altro non è se non una piccola parte dell’esistente. Rari, quindi, i fossili vengono inoltre ritrovati più spesso che no in stato di forte frammentazione, per effetto dei colossali processi naturali di spostamento, pressione, scontro, mescolamento e calcificazione a cui sono per definizione sottoposti. Ovvero, di fronte a un reperto fossile, l’atteggiamento più razionale e scientifico è l’uso di mille condizionali e l’introduzione di centinaia di dubbi, consapevoli del fatto, per evidenza ed esperienza, che ciò che si ha davanti potrebbe essere più il risultato di avvenimenti e di processi successivi alla fossilizzazione del reperto stesso che non testimonianza fedele dell’individuo vivente di partenza.  Ossa schiacciate, smozzicate o saldate in modi insoliti potrebbero cioè facilmente trarre in inganno chi pensasse di affidarsi inopinatamente ai fossili quasi fossero resti freschi di giornata.  

Nessun anello intermedio  
Ciò detto, se si utilizzano le dovute cautele, qualcosa i fossili al ricercatore la suggeriscono davvero.  Per esempio, i fossili consentono di osservare empiricamente specie viventi completamente formate, diversificate e compiute milioni di anni fa e quindi allora uguali a oggi. Ma ciò contraddice in radice l’ipotesi evoluzionista, la quale si regge sulla premessa “trasformista” (le mutazioni genetiche) in base alla quale la speciazione si verificherebbe gradualmente e per fasi intermedie.  Di anelli di congiunzione fra una specie e l’altra, dunque di resti di specie intermedie che siano scarti del processo di speciazione, non vi è però traccia alcuna, nessun segno di transizioni, trasformazioni, modifiche. Tutto è lì, dato. Soprattutto non esiste alcuna prova empirica del passaggio dalle scimmie all’uomo, o dell’idea di un ascendente comune a noi e ai primati: nessuna scimmia-uomo, insomma, con residui di coda in fase di scomparsa, mani al posto dei piedi in procinto di diventare piedi al posto dei piedi, arti anteriori che si accorciano gradatamente secondo proporzioni più umane e magari pure stadi intermedi dell’intelligenza.  Nessuno ha del resto mai trovato nemmeno pinne fossili colte nell’atto di diventare arti, non ci sono resti di branchie mutantisi in polmoni, non esistono rimanenze di quelle ossa mezze vuote e mezze no che racconterebbero la trasfigurazione in uccelli, stante che gli uccelli non volano solo perché un giorno ai rettili sarebbero spuntate le piume, ma per quell’unica, straordinaria e irriducibilmente complessa struttura ossea che li fa ciò che sono e non altro (e che fa sì che nient’altro sia come loro), vale a dire li fa volare nel cielo mentre tutti gli altri viventi restano a guardarli con il naso all’insù.

Problemi di tempo e di successione  
I fossili, poi, non dicono mai quando una determinata specie è comparsa oppure è scomparsa. Ne fotografano un esemplare, o un suo frammento, in un dato momento. Solo raramente quella fotografia può essere collegata, per una indagine cronologica, ad altri elementi che ci comunichino qualche informazione certa sulla durata in vita della specie, e comunque si tratta sempre di fattori esterni, motivo per cui ogni inferenza dev’essere condotta con estrema circospezione.  Né i fossili dicono alcunché circa il succedersi delle specie. Dire che i mammiferi si siano manifestati apertamente dopo la scomparsa dei grandi sauri che ne minacciavano l’esistenza é una cosa; ma dire che mammiferi e sauri non abbiano potuto convivere, e magari pure a lungo, anche se con i mammiferi in posizione più riservata vista la minaccia posta loro dai grandi sauri è un’altra. I fossili, però, in questo caso, soprattutto per il loro esiguo numero, dicono poco.  

Fossili viventi  
Esiste poi il caso dei cosiddetti “fossili viventi”, specie cioè sopravvissute a lungo rispetto ai propri fossili, specie insomma vive molto tempo dopo quella che si ritiene essere o che pure è la data dell’ultimo resto fossile della loro specie rinvenuto. Stando all’ipotesi evoluzionistica, infatti, specie così non dovrebbero più esistere, superate e vinte da altre nella lotta per la sopravvivenza.  Specie che, nella logica evoluzionistica, sono antenati di altre, fasi intermedie, e che quindi dovrebbero scomparire, ma che invece continuano a vivere accanto, e piuttosto indisturbate, alle specie loro discendenti, mandando così a monte l’intera idea della selezione naturale del più adatto che renderebbe obsolete le specie ascendenti intermedie. E il numero dei “fossili viventi” aumenta, nel senso che se ne continuano scoprire. Vere celebrità tra costoro sono la neoglyphea, un crostaceo, e la chalumnae ovvero il celacanto, quindi lo sfenodonte, un rettile estinto nel Mesozoico, e la neopilina, mollusco fuori tempo massimo; e poi ci sono il topo di Cipro, il ratto delle rocce del Laos, il tranquillo opossum, il famoso panda gigante, e piante come la Metasequoia glyptostroboides, nonché funghi.
 
Specie diverse. Tutte complete  
Del resto, non si hanno reperti fossili precedenti il Cambiano, che oggi si calcola compreso tra 542 e 490 milioni circa di anni fa. Qual è il problema? Il problema è che all’inizio del Cambriano i fossili attestano almeno 500 specie diverse, appartenenti a sette tipi diversi. Improvvisamente. Senza precedenti. Da dove vengono, se debbono evoluzionisticamente venire da antenati di cui non c’è la minima traccia? Oltre al fatto che, peraltro, non c’è alcuna traccia anche di specie intermedie, esattamente come se le specie del Cambriano, le prime attestate senza progenitori anteriori, fossero venute alla vita già compiute e diversificate.  Si hanno poi resti fossili di altre specie viventi altrettanto abbondantemente diversificate e tutte perfettamente formate circa 400 milioni di anni fa: vertebrati (i primi) e i pesci. Attorno a 250 milioni di anni fa, nel Carbonifero, sono poi ben rappresentate diverse specie vegetali e animali di nuovo perfettamente formate: insetti di vari tipi, anfibi e rettili. Di mammiferi e uccelli formati si hanno testimonianze fossili risalenti a 160 milioni di anni fa.  Formiche e altri insetti fossili, rinvenuti in sedimenti e in ambra di 100 milioni di anni fa, sono uguali alle specie odierne. Lo stesso dicasi per libellule fossili di 135 milioni di anni fa. Fossili di squali di circa 400 milioni di anni fa possiedono la stessa struttura degli squali odierni, così come accade con i pipistrelli fossili di 55 milioni di anni fa. Non esiste alcuna differenza apprezzabile tra i fossili delle tartarughe antiche e le specie oggi viventi, anzi le tartarughe sono testimoniate essere sempre state le stesse fin dalla loro comparsa. Né è diverso per le piante (quercia, noce, vite, magnolia, palma e cos“ via), di cui abbiamo foglie fossili pochissimo diverse da quelle delle stesse piante viventi ora: quercia, noce, noce americano, vite, magnolia, palma e molte altre. Alcune foglie fossili della Liquidambar styraciflua di circa 20 milioni di anni sono state ritrovate in Germania; uguali a quelle attuali.  E il pipistrello? Se ne conoscono circa 1100 varietà, che ammontano a circa il 20% dei mammiferi, un bel campionario statisticamente rilevante. Di esse si hanno resti fossili provenienti da esemplari antichi, ma già identici a quelli moderni.  I pipistrelli compaiono, infatti, improvvisamente, nell’Eocene, fra i 55 e i 34 milioni di anni fa. E da allora sono rimasti se stessi. Non ne esistono testimonianze precedenti, progenitori ascendenti. Insomma, il pipistrello nasce anticamente proprio così come esiste ancora oggi, lui che svolazza in cerca d’insetti a noi nocivi o comunque molesti guidato dal quel suo prezioso radar, unico, inimitabile, mai lasciato evolutivamente a metà in qualche cloaca fossile. Che cosa manca invece? Oltre al capostipite di tutti questi viventi, mancano clamorosamente le specie intermedie, i resti dell’evoluzione che la selezione naturale avrebbe spazzato via, gli anelli di congiunzione, i “vertebrati-invertebrati”, gli “insetti-pesce”, i “pesci-sauri”, i “sauro-uccelli”, i “sauro-mammiferi”, gli “uccelli-mammiferi” e, ovvio, i famosi “uomini-scimmia”.  
Dossier: Evoluzionismo: qualche dubbio
IL TIMONE  N. 89 - ANNO X II - Gennaio 2010 - pag. 39 - 41



Torna ai contenuti | Torna al menu