Carrera Antonio ex testimone di Geova - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Carrera Antonio ex testimone di Geova

ANTONIO
CARRERA

Fui cattolico per i primi 28 anni della mia vita e,  già dal 1961, fui un nemico dichiarato della Chies a, tanto da divenire testimone di Geova. Rimasi incatenato a questa setta per 12 anni e occupai in essa alte cariche dirigenziali. Fui membro del Comitato della Congregazione, soprintendente di campo servo della scuola, conferenziere...Il primo contatto con i testimoni di solito è accecante. Ti propongono di entrare in un mondo nel q uale tutte le persone sono eccellenti, generose, e  amorevoli al livello più alto. Alle prime riunioni ti attorniano con tanti saluti e amabilità, ma questo dura poco tempo. Poi nessuno si preoccuperà di te, se non per vedere se manchi alle riunioni o se non porti avanti l’impegno di visitare le case e diffondere la loro letteratura.  Fin dall’inizio ti riempiranno la testa di opuscoli  e riviste della setta, facendosi naturalmente pagare.

Un membro della setta ti istruirà settimanalme nte affinché tu accetti tutti i loro insegnamenti, benché comportino lasciar morire un familiare piuttosto che fargli una trasfusione di sangue o nutrire odio verso tutte le religioni e governi. In cinque ore  di riunione settimanale, più la parte di studio a casa, ti inculcheranno l’idea di predicare il più possi bile e vendere quanti più libri riesci, perché la fine del mondo è vicina e si salveranno solo i testimoni. Io vendetti 4.800 libri e lavorai circa 3.600 ore.

Loro dicono di essere profeti (Atalaya, anno 1962/212/15). Ma sono bugiardi perché nei loro stessi  libri d’anni addietro annunciavano la fine del mondo che non è mai arrivata. Dinnanzi a tanti errori,  profezie stravolte e non realizzatesi, mai hanno d etto che avevano sbagliato, ma che Dio rivelava l oro le cose in modo progressivo. Ma una cosa è la rivelazione progressiva, un’altra una rivelazione contraddittoria. Annunciarono la fine del mondo nel 1799, 1874,1914, 1915, 1918, 1925 e 1975. Nel trattato sopra le Scritture del 1889, seconda serie, pagina 356, profetizzavano che sarebbe giunta l’estinzione totale di tutte le gerarchie false e del Papato nell’anno1914 e si sbagliarono. Nel libro "Milioni, che ora vi vono, mai moriranno", pagine 88-100, dicono che
 
l’anno 1925 avrebbe segnato il ritorno visibile di A braham, Isaac, Jacob e dei profeti fedeli dell’antic hità. Lo credettero in un modo così intenso che costruirono una casa in California per alloggiarvi i pa triarchi. Questo tema lo tratto nel mio libro "L’ing anno della fine del mondo".  Dal 1879 al 1912, insegnarono, come verità di  Dio, che gli Ebrei sarebbero ritornati in Palestina.  Dal 1932 e, usando anche Dio come rivelazione, parlano degli Ebrei che mai costituiranno una nazione in Palestina, cosa che è risultata totalmente fal sa, perché in Palestina ora sono una nazione pote ntissima.

Assicurarono nel decennio 1970-1980 che senza errore sarebbe venuta la fine del mondo e Dio avrebbe distrutto tutti gli iniqui della terra. La atten devano concretamente per il 1975. Nel loro libro  "Vita eterna" p. 29, si dice: "I 6000 anni dalla crea zione del mondo termineranno nel 1975 e il settimo periodo di mille anni della storia umana comin cerà nell’autunno del 1975". Il millennio doveva c ominciare nell’anno 1975. Nel loro libro "Assicurar  si", pagina 443, si afferma: "Dopo mille anni di re gno di Cristo, si procederà con la distruzione di tutti gli empi della terra". Gia’ nella rivista "Attesa", d el 22 aprile 1972, p. 26, scrivono: "A metà degli anni settanta vi è una commovente speranza di un  magnifico sollievo.

Giustamente il 1975". Tra coloro che videro l’inganno della setta e l’a bbandonarono c’erano mia moglie e i miei figli, mi o fratello Abel con la sua famiglia e altri. Tutto cominciò quando un membro anziano della setta mi  disse che se io avessi potuto leggere i libri più vecchi dell’Organizzazione, che ora non pubblicavano più, avrei potuto notare una serie di cambi e di errori nei suoi insegnamenti, i quali, secondo loro, erano ispirati da Dio.

Queste parole scatenarono dei dubbi, che si confermarono quando esaminai io st esso sette vecchi libri, dell’anno 1918, che, per caso, arrivarono tra le mie mani. Altre false dottrine sostengono che il corpo di Gesù non fu risuscitato (Insegnamenti sulle Scrittur e II, p. 129), che Satana è l’artefice della dottrina  eterna infernale e che l’uomo non ha anima umana (Che sia Dio verace, pp. 79 e 66).

E così molte al tre false dottrine, ad esempio che Gesù è l’arcang elo Michele.  Ritiradomi dalla setta per loro sono come un  morto. Hanno proibito a tutti i membri di parlarmi  minacciandoli di espulsione. Di fatto ne hanno già scomunicati due per il solo fatto di avermi parlato. Ora rendo grazie a Dio per conoscere e vivere la verità nella Chiesa cattolica.

Antonio Carrera ha reso la sua testimonianza nel Congresso dei convertiti
Cammino a Roma , tenutosi ad Avila, nell’ottobre del 2003. Attualmente dirige un’ Associazione di afflitti dalle sette per aiutare coloro che hanno bisogno di orientarsi.

Torna ai contenuti | Torna al menu