Apologetica Cristiana Studi Biblici - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettera di Giovanni Paolo II al movimento per la vita

Pubblicato da in Aborto ·

Il Discorso del Santo Padre

al Movimento della vita: una riflessione….

Il 22 maggio scorso, il Direttivo del Movimento per la vita, ha incontrato il Santo Padre. La data, lo sappiamo, è significativa: 25 anni dalla legge 194 e poi alla vigilia dell’assemblea che si è successivamente svolta a Montecatini.

Il Discorso di Giovanni Paolo II offre notevoli spunti di riflessione sul cammino che il Movimento ha fatto in tutto questo tempo, ed anche sul rispetto della vita umana.

“Insidie ricorrenti minacciano la vita nascente. Il lodevole desiderio di avere un figlio spinge talora a superare frontiere invalicabili”.

Questa affermazione del Pontefice delinea in modo chiaro e completo la situazione che attualmente si sta vivendo nell’ambito della società. Le “insidie” che minacciano la vita umana sono molte e, spesso, si celano dietro una presunta forma di “aiuto” alla maternità ed alla nascita di un figlio. Si fanno passare per “aiuti” quelle pratiche, quali le varie tecniche di fecondazione artificiale, la maternità surrogata, ecc…, che nel tentativo di voler dare un figlio a tutti i costi ad una coppia, ledono la stessa dignità della persona umana ed il stesso diritto a vivere di ogni neoconcepito. Per poter “creare un figlio” in questo modo, se ne uccidono molti altri!

“Embrioni generati in soprannumero, selezionati, congelati, vengono sottoposti a sperimentazione distruttiva e destinati alla morte con decisione premeditata”.

Così il Santo Padre continua, mettendo in risalto la vera ed inaccettabile realtà alla quale si arriva nel voler generare a tutti i costi.

La nostra, lo sappiamo, è l’epoca delle contraddizioni. Da una parte assistiamo a figli non voluti dai genitori o dalla sola madre, all’aborto, legale o clandestino, ma comunque distruzione di una vita umana alla quale viene negato il diritto fondamentale: vivere.

Dall’altra, quando i figli non vengono naturalmente, c’è una corsa, un’ansia a volerne uno quasi “per forza”, come se il non averlo fosse una “mancanza” talmente grave alla quale è necessario dover sopperire a costo di qualsiasi cosa, anche del “calpestare la vita di altri figli”, che per poter far nascere un loro fratello, sono già in partenza destinati alla distruzione.

Si perde il significato vero e genuino della nascita del figlio. Il figlio che invece dovrebbe essere visto come dono per i suoi genitori, come fonte di vita da amare e rispettare integralmente, in tutte le sue manifestazioni ed in qualsiasi stadio del suo sviluppo.

Una nuova vita umana, in qualunque modo sia tata concepita, ha sempre diritto di essere amata e rispettata integralmente e, soprattutto, ha un diritto che è fondamentale: vivere!

Leggiamo nell’ Evangelium Vitae che la vita umana viene affidata all’uomo, non come una “cosa”, bensì come un tesoro da rispettare e di cui l’uomo stesso dovrà renderne conto al Suo Creatore (cfr. n. 52). Ed ancora, leggiamo che Dio è il padrone assoluto della vita umana in quanto l’uomo è stato creato a Sua immagine e somiglianza. Per questo motivo ogni vita umana ha un carattere sacro ed inviolabile, perché in essa si riflette e si rispecchia la stessa inviolabilità del Padre della Vita (cfr. n. 53).

Il Papa, nel suo discorso, incoraggia a continuare su questo cammino di rispetto e salvaguardia della vita umana.

“Non scoraggiatevi e non stancatevi, (…), di proclamare e testimoniare il vangelo della vita; siate al fianco delle famiglie e delle madri in difficoltà”.

E’ un invito rivolto ad ogni membro del Movimento per la Vita, ma si può considerare rivolto ad ogni uomo, a ciascuno di noi, in virtù proprio del fatto che siamo creature volute dal Creatore che ci ha fatto a sua immagine e somiglianza e che ha voluto che l’uomo esistesse per amore. Allora, quale impegno migliore, se non quello di far sì che ogni vita sia amata, accolta e rispettata fin dal momento del suo concepimento?!

“Il Vangelo della vita non è esclusivamente per i credenti: è per tutti. La questione della vita e della sua difesa e promozione non è prerogativa dei soli cristiani. Anche se dalla fede riceve luce e forza straordinarie, essa appartiene a ogni coscienza umana che aspira alla verità ed è attenta e pensosa per le sorti dell’umanità. Nella vita c’è sicuramente un valore sacro e religioso, ma in nessuno modo esso interpella solo i credenti: si tratta, infatti di un valore che ogni essere umano può cogliere, anche alla luce della ragione e che perciò riguarda necessariamente tutti” (Evangelium Vitae, n. 101).

Basterebbe soffermarsi su queste parole dell’Enciclica citata per comprendere il grande compito e la grande responsabilità che abbiamo in quanto uomini. La vita di ciascuno di noi, è affidata all’altro perché la custodisca e la protegga. Indipendentemente dal proprio credo religioso la vita è un valore sempre universale, al quale è dovuto ogni rispetto ed ogni tutela. Ciascun uomo dovrebbe difenderla e lottare perché essa sia rispettata ed amata, sempre!

La stessa maternità ha un ruolo decisivo ed importante per la vita dell’uomo e, di conseguenza, la figura della donna acquista un posto di rilievo in questo ambito. E’ lei la custode della vita, è lei che la tiene nel suo grembo e le permette di maturare e crescere fino al punto di essere autonoma e venire alla luce. La madre è quindi la prima “culla” per il bambino, una culla speciale, nella quale il figlio trova l’ambiente adatto affinché possa crescere ed affrontare la vita extrauterina.

Alla donna fa un riferimento particolare anche Giovanni Paolo II, quando afferma che:

“Specialmente a voi, donne, rinnovo l’invito a difendere l’alleanza tra la donna e la vita”.

Si, è vero, la vita umana deve essere una responsabilità per tutti, ma la donna ne deve essere pienamente la promotrice in quanto è in lei, che si perpetua, quel “miracolo” chiamato “gravidanza”; è in lei che la nuova creatura umana si sviluppa per poi affrontare il mondo esterno; ed è sempre da lei che riceve la prima accoglienza ed il primo di una serie di gesti d’amore che deve accompagnarla per la sua vita.

Non è facile tutto questo, non è facile difendere la vita umana e far sì che anche altri la difendano e proteggano. Ma non bisogna scoraggiarsi. Il Santo Padre, nell’ultima parte del Discorso del 22 maggio, formula la “soluzione” a qualsiasi difficoltà da affrontare. Egli sottolinea che il Padre Celeste non farà mai mancare quell’aiuto che è necessario affinché si possano portare ad avere un buon esito tutte quelle attività che il Movimento fa e farà a favore della vita. La forza la si trova rivolgendosi con la preghiera a Gesù, a colui che, perché avessimo la vita, l’ha data per noi.

Non si può non fare riferimento poi alla Mamma Celeste, a colei che ha custodito nel suo grembo verginale, per nove mesi, il Figlio di Dio.

Rivolgendoci a lei, possiamo dire, insieme all’Evangelium Vitae:

“Fa’ che quanti credono nel Tuo Figlio sappiano annunciare con franchezza e amore agli uomini del nostro tempo il Vangelo della vita”.

Adele Caramico

(articolo pubblicato su www.culturacattolica.it il 15/10/2003)




Fivet

Pubblicato da in Aborto ·
I mass – media sono pieni di notizie riguardanti la fecondazione artificiale, soprattutto dopo l’approvazione della Legge che la riguarda. Vengono esaltate le nuove metodiche adottate senza però dire molto sullo spreco di vite umane, e sul loro “uso” in laboratorio, perché solo una possa arrivare alla nascita.

Pedofilia e Preti Pedofili

Pubblicato da in Problematiche sociali ·
Il cristianesimo deve pagare adesso per tutto il male che ha impedito loro di fare. (…) Mai la teoria di René Girard sulla persecuzione del capro espiatorio come soluzione per il ripristino delle unità illusoria di una collettività in crisi, ha trovato una conferma così evidente, così ovvia, così universale e allo stesso tempo. (…)»

Il Crocifisso Censurato

Pubblicato da in Problematiche sociali ·
In estate la rana crocifissa (col bicchiere di birra e un uovo nelle mani) esposta al museo di Bolzano. Ora la donna seminuda crocifissa del noto manifesto contro gli stupri, che ricorda la famosa copertina sull’aborto fatta dall’Espresso il 19 gennaio 1975 (rappresentava una donna nuda incinta e crocifissa).

RU 486

Pubblicato da in Aborto ·

Richieste di Preghiera

Pubblicato da in Richieste di Preghiera ·
Pregate gli uni per gli altri, Dio aprirà una via dove sembra non ci sia, Alleluia!

L'Oroscopo è consentito da Dio?

Pubblicato da in Riflessioni sulla Parola di Dio ·
Cari Amici, ho visto anche in facebook che parecchi amici cattolici hanno l'abitudine di leggere l'oroscopo, come se non ci fosse nulla di male, allora mi sono chiesto: "Ma l'oroscopo è lecito o vietato dai comandamenti di Dio?"

Testimonianze ex protestanti

Pubblicato da in Testimonianze ·
Testimonianza personale
Torna ai contenuti | Torna al menu